Arriva l’estate e l’Italia diventa quasi interamente Zona Bianca. Soltanto la Valle d’Aosta ancora in Zona Gialla. È quanto dettato dalle ultime ordinanze del ministero della Salute. Alle Regioni già comprese nella Zona a più basso rischio di contagio, si aggiungono oggi la Basilicata, la Calabria, la Campania, le Marche, la Sicilia, la Toscana e la Provincia Autonoma di Bolzano. L’Italia che riapre.

A far scattare il passaggio da una fascia all’altra i contagi sotto la soglia dei 50 settimanali ogni 100mila abitanti. L’ordinanza del ministro Roberto Speranza, come di consueto, dopo il monitoraggio settimanale dell’epidemia dell’Istituto Superiore di Sanità del venerdì. Nonostante la preoccupazione emerse per la variante Delta, ex indiana (che nel Regno Unito ha fatto rimandare l’ultimo step di riaperture), l’epidemia sembra sotto controllo. Ancora in calo l’indice di contagio Rt, a 0,69, rispetto alla settimana precedente. Scendono anche i contagiati ricoverati in terapia intensiva e le vittime per le complicanze del contagio.

La Valle d’Aosta dovrà passare quindi almeno un’altra settimana in Zona Gialla per poter passare a quella Bianca. Il bollettino dell’emergenza pubblicato dal ministero della Salute pubblicato ieri ha riportato 17 vittime e 881 nuovi contagi: mai così bassi dall’inizio dell’anno 2021.

Si discute dunque di nuove aperture: il ministro Speranza ha chiesto al Comitato Tecnico Scientifico una valutazione per togliere la mascherina all’aperto. In questi giorni sono state avanzate alcune date per la possibile fine dell’obbligo, le ultime: primo e cinque luglio. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha chiarito che la fine dello Stato di Emergenza, a fine luglio, si affronterà quando sarà il momento, rimandando la decisione.

In Zona Bianca intanto restano il divieto di assembramento, l’obbligo di distanziamento fisico, l’uso obbligatorio della mascherina all’aperto. Fine invece del coprifuoco, che comunque da oggi è abolito anche in Zona Gialla. Riaprono, in Zona Bianca, sale da gioco e piscine al chiuso, che in Zona Gialla riaprono invece dal primo luglio.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.