Nel 2015 aveva vinto la sua battaglia contro il cancro, che l’aveva resa “più forte” e che aveva “cambiato la mia visione della vita”, come aveva scritto con felicità su Instagram. Janine Rita Benecke, 22enne studentessa di ingegneria di Bochum, nel nord-est della Germania, è una delle sette vittime dell’incidente avvenuto tra sabato e domenica sulla strada di Lutago, nella valle Aurina di Bolzano.

La sua lotta contro la malattia, che l’aveva costretta a diversi cicli di chemioterapia, aveva spinto Janine ad aprire sul web un blog, “Cancerdontcare”, in cui raccontava il suo quotidiano convivere col cancro. Una adolescenza trascorsa tra gli ospedali, fino al 2015, quando sconfigge il male del secolo.

Un ritorno alla vita tra studio all’università e sport: Janine era infatti membro della della German Eagles, una formazione di football australiano australiano, una passione raccontata via social e che l’aveva portata a partecipare lo scorso ottobre ai campionati europei di Londra.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

A smile, a unique smile… there is nothing more beautiful than waking up every morning with a smile,remembering how beautiful life is. Being healthy and enjoying life to the fullest is the best gift in the world! Remembering that life can be different reminds you to appreciate and enjoy every moment. Be happy about the little things in life. Start the day with a smile because you never know when it will be over. These are things we should never forget! Cancer does not announce itself. It comes when you least expect it and changes you forever. It forces you to get to know a part of yourself that you never knew. It scares you. In 2015 I won my fight against cancer. It made me stronger and changed my view on life. But not everyone manages to fight it. Today we carry these people through life in our hearts. For those and for yourself remember how great life is and enjoy it! Send a lot of love to everyone who is fighting cancer. Stay strong and fight on! #worldcancerday #keepfighting #survivor #beatcancerass #enjoylife #behappy #dontforgettosmile

Un post condiviso da Janine Benecke (@jannee97) in data:

Intanto Stefano Lechner, l’automobilista 27enne che ha provocato l’incidente ha detto: “Vorrei essere io al posto di quei ragazzi”, come racconta il suo legale Alessandro Tonon. Il giovane ha anche raccontato di non essersi allontanato dal luogo dell’incidente. “È sceso dalla macchina e ha tentato di rianimare uno dei ragazzi e quando sono arrivati i carabinieri e andato da loro dicendo: “Sono stato io”, afferma Tonon. Il 27enne avrebbe raccontato che era ubriaco e che stava correndo dalla sua ex fidanzata sconvolto perchè lo aveva appena lasciato. Dopo l’incidente, ricoverato in psichiatria, ha minacciato di suicidarsi. Delle 17 persone coinvolte nell’incidente sette sono morte (4 donne e 3 uomini), tre ferite in maniera grave (una donna e 2 uomini), cinque (3 donne e 2 uomini) hanno riportato lesioni di media entità e due (un uomo e una donna) hanno riportato ferite lievi.

Redazione