La procura di Perugia ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex consigliere del Csm Luca Palamara, accusato di diversi episodi di corruzione. La richiesta è stata formalizzata dal procuratore Raffaele Cantone e dai sostituti Gemma Miliani e Mario Formisano.

La richiesta di rinvio a giudizio riguarda anche l’amica dell’ex pm di Roma Adele Attisani, l’imprenditore Fabrizio Centofanti e Giancarlo Manfredonia. La richiesta di rinvio a giudizio è per corruzione per i primi due e per favoreggiamento per Manfredonia. Stralciata invece la posizione dell’ex consigliere del Csm Luigi Spina che ha chiesto la sospensione del procedimento e la messa in prova per un unico capo di imputazione per violazione del segreto. Per un altro capo di rivelazione e per il favoreggiamento è stata richiesta l’archiviazione.

In una nota i legali di Palamara, gli avvocati Mariano e Benedetto Buratti e Roberto Rampioni, prendono atto della “richiesta di rinvio a giudizio nei confronti del nostro assistito nonché della conferma della derubricazione delle iniziali imputazioni. Nell’udienza preliminare, che ci auguriamo sia fissata nel minor tempo possibile, saranno resi noti ulteriori sviluppi delle indagini difensive”.