Nessuna lite a scatenare la violenza e le coltellate che lo hanno colpito. Questa la versione del 19enne ferito ieri notte nel corso di un party a Pompei, in provincia di Napoli. Il ragazzo è stato accompagnato all’Ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia. A riportare la notizia è l’Ansa.

Il ragazzo è di Agerola, provincia di Napoli. Era a Pompei la notte scorsa per una festa organizzata da Istituti Scolastici Superiori di Castellammare. Erano circa duemila i ragazzi accorsi in una sorta di discoteca all’aperto in un locale con casse acustiche e musica ad alto volume e tanto alcol. L’episodio violento si è verificato intorno alle 21:00 di ieri sera.

Sul posto, in poco tempo, si è scatenato il caos. Soprattutto in via Nolana per via dei numerosi veicoli diretti alla zona di Civita Giuliana dove si teneva il mega party. Centinaia di minorenni si dirigevano intanto a piedi verso il luogo della festa.

La voce dell’accoltellamento ha cominciato a viaggiare tra le persone. Il ragazzo è stato raggiunto almeno da cinque coltellate. All’Ospedale ha raccontato che non ci sarebbe stata alcuna lite alla base dell’aggressione. Ha invece identificato un coetaneo che si era nel frattempo presentato spontaneamente dai carabinieri. I fendenti lo hanno colto ai glutei e alla schiena. Alcune delle coltellate hanno sfiorato i polmoni. Non è in pericolo di vita.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.