Conosceva uomini sui social poi li incontrava o bussava a casa ed entrava con la scusa di due chiacchiere. Ma stranamente tutti gli appuntamenti finivano con un potente colpo di sonno e la scomparsa di oggetti di valori e bancomat. I Carabinieri della Stazione di Bellusco hanno arrestato Tiziana Morandi, una 47enne del Vimercatese, con l’accusa di rapina aggravata e lesioni. Sono sei gli episodi di truffa ricostruiti dagli investigatori. Le vittime, tutti uomini tra i 27 e gli 84 anni. La modalità era sempre la stessa: avvicinava gli uomini con una scusa e gli offriva da bere bibite allungate con le benzodiazepine che si sarebbe procurata con falsi certificati. Aspettava il colpo di sonno e poi svaniva nel nulla portando via oggetti d’oro, contanti, carte di credito.

Come riportato dal Corriere della Sera, le indagini dei militari della compagnia di Bellusco sono partite nell’agosto 2021, quando un 83enne di Roncello era stato trovato dal figlio in casa privo di sensi. Trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Vimercate, da dove fortunatamente era stato dimesso, l’anziano era risultato positivo alla benzodiazepina. Ai carabinieri aveva detto di essersi addormentato in casa dopo aver condiviso una camomilla con una donna che si era presentata alla sua porta con la scusa di una raccolta di soldi per beneficenza. Una volta risvegliatosi in ospedale, si era accorto di non avere più al collo la collana con alcune medagliette, sparita anche la fede nuziale.

Stessa modalità per un altro 84enne. Conosciuto in un bar, poi risvegliatosi senza i 50 euro che aveva nel portafogli. Truffati anche uomini più giovani come un 51enne che la donna aveva invitato al cinema per vedere 007. Si è addormentato prima che il film finisse e si è risvegliato senza i 150 euro nel portafogli. Poi c’è il pensionato 71enne lasciato per strada ancora addormentato nella stazione di Torino. “Pensavano fossi ubriaco, ma in realtà ero stato drogato e abbandonato in mezzo alla strada”, ha raccontato al Corriere.

C’è il brianzono di 67 anni che non ricorda nulla di quell’incontro, solo di aver bevuto un’aranciata con la donna e poi di essersi addormentato. C’è il giovane di 27 anni, sceso dalla Val Badia per conoscere di persona la donna approcciata via chat: “Tornando a casa in auto avevo conati di vomito, mi sono dovuto fermare per strada a Rovereto, dove mi hanno trovato positivo ai tranquillanti”. La donna si presentava con il suo nome, qualcuna delle sue vittime le invitava anche a casa sua. Li addormentava e usciva a fare shopping con le loro carte di credito. Le vittime si accorgevano solo successivamente che mancavano pesanti fette di soldi dai loro conti. Ma a quel punto di lei si erano perse le tracce.

“Ci siamo conosciuti chattando – ha raccontato al Corrier un 67enne – Ci eravamo anche già incontrati in un centro commerciale, assieme a due suoi amici. In quel caso non era successo nulla di strano. Un anno fa mi ha invitato a casa sua: dopo aver bevuto una bibita, sono crollato in catalessi. Mi sono risvegliato a casa mia. Mancava la catenina d’oro che tenevo al collo e poi, dopo aver controllato il mio estratto conto, mi sono accorto che con il mio bancomat era stato fatto un prelievo di 250 euro di cui non sapevo nulla”.

Un racconto simile lo ha fatto anche un 71enne di origini irpine. L’uomo si è svegliato in ospedale. “Pensavano avessi bevuto: ma non c’erano alcolici nel sangue, in realtà ero stato drogato e lasciato al mio destino – ha raccontato – Era solo un’amicizia — tiene a precisare —, niente sesso, niente sentimenti. Ci eravamo anche già visti una volta e non era successo nulla. Poi, quando le ho manifestato l’intenzione di vendere una collezione di monete d’oro, mi disse di aver trovato un acquirente a Torino”. Ed è lì che, dopo una consumazione in un bar, l’uomo viene sedato: “Avevo lasciato le monete custodite nella mia auto, sotto la casa di questa donna. Quando mi sono svegliato in ospedale, non avevo più le chiavi della vettura, e poi ho scoperto che parte della collezione era sparita”. Tiziana Morandi ha anche fatto spese per 4mila euro con la sua carta di credito.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.