“Il governo giapponese ha concluso in privato che le Olimpiadi di Tokyo dovranno essere annullate a causa del Coronavirus e l’obiettivo è ora di garantire i Giochi per la città nel prossimo anno disponibile, il 2032”. Così il Times, quotidiano britannico ha annunciato la ‘certa’ cancellazione degli attesi giochi previsti già per l’estate 2020 ma che a causa della pandemia furono rimandati di un anno. In realtà di certo non c’è nulla perché il Bureau of Olympic and Paralympic Games Tokyo 2020 Preparation ha smentito subito la notizia in un comunicato ufficiale.

Il Times avrebbe citato membri anziani interni alla coalizione di governo: “C’è accordo sul fatto che i Giochi, già rinviati di un anno, siano condannati. L’obiettivo ora è trovare una modalità ‘salva-faccia’ per annullare la cancellazione e lasciare aperta la possibilità per Tokyo di ospitare l’evento in un secondo momento. Nessuno vuole essere il primo a dirlo ma il consenso è che sia troppo difficile”.

Per il Telegraph invece l’evento non sarebbe a rischio ma probabilmente a porte chiuse come la maggior parte degli eventi sportivi che si stanno svolgendo in piena pandemia.
Ma l’esecutivo guidato dal primo ministro Yoshihide Suga, in un nota ufficiale ha smentito l’ipotesi della cancellazione dei giochi per il secondo anno consecutivo. Ha ribadito come il governo del Paese del Sol Levante sia “focalizzato a implementare le misure per contenere la pandemia” e che in tutte le riunioni relative all’organizzazione dei Giochi sia stata posta al centro della discussione la “totale messa in sicurezza delle competizioni olimpiche e paralimpiche”.

“Tutti i nostri partner, tra cui il governo nazionale, il governo metropolitano di Tokyo, il Comitato organizzatore di Tokyo 2020, il Comitato Olimpico Internazionale e il Comitato Paralimpico Internazionale sono completamente focalizzati sull’organizzazione delle Olimpiadi per l’estate 2021. Ci auguriamo – si legge ancora nella nota – che la vita quotidiana possa presto tornare alla normalità, e continueremo a fare ogni sforzo per permettere a tutti di vivere l’esperienza olimpica in modo sicuro e protetto”.

L’ipotesi che circola da più parti tra i commentatori è che probabilmente il governo di Tokyo si comporterà esattamente come nell’estate 2020: cercherà di rimandare fino all’ultimo la decisione che forse potrebbe portare al rinvio. Ma probabilmente sarà solo la conta dei contagi a chiarire cosa avverrà.

Redazione