In piena emergenza da Coronavirus, con i contagi che continuano a salire così come i morti, un grido d’allarme arriva da Pianura, popoloso quartiere nella zona occidentale di Napoli, ma che non riguarda “l’infezione del 2020“. Infatti un genitore, alle telecamere, sottolinea che “Qui a Pianura nessuno parla delle cinque discariche abusive che decimano la popolazione. Il Coronavirus a noi fa un baffo“.

Secondo il cittadino, infatti, la vera emergenza a Napoli e in Italia non è il Coronavirus ma l’inquinamento ambientale “Secondo i dati del 2016 ogni giorno muoiono 487 persone al giorno per cancro“. L’intervistato poi dice che c’è qualcosa che non torna: “Perché tutti parlano di Coronavirus e nessuno di giovanissimi che muoiono di cancro ogni giorno? Quali interessi ci sono dietro? Mia figlia di 20 anni sta morendo per un carcinoma maligno al midollo osseo, grazie alle cinque discariche che ci stanno ammazzando tutti quanti“.

Un grido dall’arme e disperazione a sottolineare le tante vittime che da anni, decenni, fanno morti su morti in una terra dove l’inquinamento uccide molto più che qualsiasi altra malattia.