Il vaccino anti-covid Pfizer BioNTech anche per la fascia d’età dai 12 ai 15 anni. Via libera in Europa e quindi in Italia che dovrebbe arrivare il 28 maggio da parte dell’Agenzia Europea del Farmaco (Ema). Al momento questo preparato, il primo a essere approvato in Europa, e quindi in Italia, e negli Stati Uniti, è previsto a partire dall’età di 16 anni a salire. Tutti gli altri sono previsti a partire dai 18 anni. A rendere nota la prossima autorizzazione il ministro della Salute Roberto Speranza in una risposta a un’interrogazione alla Camera dei deputati.

“E’ un fatto molto importante – ha commentato il ministro – perché vaccinare i giovani è altamente strategico ed è essenziale per la riapertura in sicurezza del prossimo anno scolastico“. E quindi Speranza ha aggiunto: “Aspettiamo la decisione dell’Ema anche per dare maggiori informazioni su queste fasce d’età”.

“Ad oggi – ha spiegato Speranza – come è noto quasi un terzo degli italiani ha avuto una prima dose somministrata, e questo è un dato importante e incoraggiante. Siamo arrivati a circa 28,5 milioni di dosi somministrate. Abbiamo protetto nel nostro piano in primis le fasce più deboli, i fragili, gli anziani, le persone che incontrando il virus potevano avere un rischio più alto. Oggi si pone con grande attualità il tema di andare chiaramente anche alle altre generazioni. Nella fase che arriva abbiamo circa 20 milioni di dosi che saranno a disposizione per il mese di giugno, e questo ci può consentire senz’altro di estendere le vaccinazioni ad altre generazioni”.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.