Roberto Mancini positivo al Coronavirus. Il Ct della Nazionale è asintomatico e in isolamento presso la propria abitazione. La positività del commissario tecnico degli Azzurri è emersa, secondo quanto riporta l’Ansa, nell’ambito del prescreening in vista del raduno di domenica, una serie di controlli periodici effettuati della Figc per i componenti degli staff tecnici delle Nazionali in vista degli impegni nelle competizioni Uefa.

Il ‘Mancio’ si è posto in isolamento fiduciario presso la propria abitazione a Roma, mentre la Figc ha avvisato l’Asl competente territorialmente. Mancini potrà aggregarsi al raduno della Nazionale a Coverciano una volta completato il percorso previsto dalle norme e dai protocolli Uefa Return to play e Figc.

L’Italia dovrà scendere in campo per tre partite: si parte del match amichevole contro l’Estonia dell’11 novembre, seguito dalle due gare del girone di Nations League contro Polonia (15 novembre) e Bosnia Erzegovina (18 novembre). Con la positività al tampone Mancini sarà sicuramente assente in panchina per la partita contro l’Estonia.

Mancini ha ricevuto un coro di critiche per le sue posizioni critiche sulle misure per contenere il contagio da Coronavirus. Dopo aver chiesto più volte la riapertura degli stadi al pubblico, lo scorso 22 ottobre il commissario tecnico della nazionale aveva anche postato su Instagram una vignetta dai toni ‘negazionisti’ in cui si vedeva un paziente malato di Covid che, rispondendo ad una domanda sull’origine del contagio, rispondeva di averlo preso guardando troppi telegiornali.

Dopo la figuraccia, erano quindi arrivate le scuse: “Ho solo condiviso una vignetta che mi è sembrata sdrammatizzare un momento complicato. Tutto qui. Non c’era alcun messaggio sottinteso e nessuna intenzione di mancare di rispetto ai malati e alle vittime di Covid-19, se così fosse me ne scuso”, aveva detto il commissario tecnico della Nazionale.

Romano di nascita ma trapiantato da sempre a Caserta, classe 1989. Appassionato di politica, sport e tecnologia