L’ondata di Coronavirus continua a intensificarsi in tutto il Mondo. E’ stata superata la quota di 750 mila vittime per Covid-19. Le vittime sono precisamente 750.471 e le persone contagiate dall’inizio della pandemia sono 20,7 milioni. I Paesi con più vittime sono gli Stati Uniti (166.038), il Brasile (105.463), il Messico (55.293) e l’India (47.033).

SPAGNA – Situazione critica in Spagna dove in 24 ore si sono registrati 3.000 nuovi casi. Il Governo ha deciso la chiusura delle discoteche e altre misure restrittive tra cui la chiusura anticipata di bar e locali. Poi il divieto di fumo per strada se non può essere rispettata la distanza di 2 metri. La misura, già introdotta in Galizia e nelle Baleari è ora estesa a tutto il paese. Molti scienziati sono concordi sull’efficacia del divieto adottato in Spagna. La decisione è supportata dalla ricerca del ministero della Salute, pubblicata il mese scorso, che ha delineato il legame tra il fumo e la maggiore diffusione del Covid-19. Il rischio aumenterebbe – sostiene lo studio – perché le persone proiettano goccioline – e potenzialmente il virus – quando espirano il fumo. Lo studio ha inoltre messo in evidenza che i fumatori rischiano l’infezione toccando la sigaretta prima di portarla alla bocca e maneggiando le mascherine quando le indossano e le tolgono.

INGHILTERRA E FRANCIA – Sembra essere tornati all’epoca della guerra dei Cent’anni per il botta e risposta tra Francia e Inghilterra sul Covid. Nel Regno Unito è stata imposta la quarantena a chi rientra da Francia e Paesi Bassi. La misura riguarda anche gli arrivi da Monaco e Malta, oltre a Turks & Caicos e Aruba, ha sottolineato su Twitter il ministro dei Trasporti britannico Grant Shapps. “Se arrivi nel Regno Unito da questi luoghi, dovrai metterti in isolamento per 14 giorni”, ha aggiunto. A luglio Londra aveva reintrodotto la quarantena per i viaggiatori dalla Spagna, cogliendo di sorpresa le compagnie aeree e migliaia di britannici in vacanza nel Paese iberico. Il governo britannico ha fatto lo stesso la scorsa settimana per Andorra, Belgio e Bahamas. Il Regno Unito èil Paese con il maggior numero di morti in Europa a causa della pandemia, con oltre 41.000 vittime. A Parigi la decisione non è andata proprio giù: L’annuncio arriva dal segretario di Stato incaricato degli Affari europei. “Una decisione britannica di cui ci rammarichiamo e che imporrà una misura di reciprocità, sperando in un ritorno alla normalità il più rapidamente possibile”, ha scritto Clément Beaune su Twitter.