Era arrivata in Italia due anni fa assieme al suo compagno, un cittadino pachistano di 29 anni. Assieme a lui abitava un connazionale di 36 anni, con precedenti penali. Nel corso di questo periodo la donna, una tedesca di 19 anni è stata costretta a vivere reclusa all’interno dell’appartamento assieme ai due uomini, costretta nel tempo a subire violenze e abusi sessuali. Un incubo a cui hanno messo fine i carabinieri.
UN INCUBO SENZA FINE
Il 27 maggio scorso, approfittando di un momento di distrazione da parte dei suoi “aguzzini”, è riuscita a scappare di casa e chiedere aiuto ad un passante, il quale dava l’allarme e accompagnava la giovane donna presso il Comando Stazione Carabinieri Cesano di Roma. La situazione, apparsa evidente per la sua gravità, ha portato i militari, ad arrestare i due uomini, tradotti presso la casa Circondariale di Rieti. Il Giudice delle Indagini Preliminari di Roma su richiesta della Procura ha convalidato nei confronti dei due stranieri.

Sofia Unica