Gli Stati Uniti sono il Paese più colpito dal coronavirus. Secondo i dati della Johns Hopkins University i contagiati americani sono 788.110, le vittime oltre 42mila. Il presidente Donald Trump ha così annunciato tramite social che firmerà un decreto per sospendere temporaneamente l’immigrazione verso gli Stati Uniti. Un annuncio, motivato “dall’attacco del nemico invisibile”, che è arrivato tramite il profilo Twitter del presidente.

L’ordine esecutivo permetterebbe di respingere le domande di cittadini stranieri, anche per le richieste di breve periodo, e dovrebbe essere firmato nei prossimi giorni. Trump ha comunicato la misura sia per combattere il virus dunque che per proteggere l’economia, come ha scritto: “per proteggere i posti di lavoro” degli americani.

 

‘Trump ha fallito nell’agire rapidamente contro la pandemia e questo sta costando enormemente all’America”, ha dichiarato l’ex vicepresidente Joe Biden, adesso sfidante del presidente nelle vesti del candidato democratico alla Casa Bianca. “È finito il tempo delle scuse – ha aggiunto Biden – è chiaro che il presidente non ha alcun interesse a risolvere il problema e a salvare le vite umane, con gli Usa che sono i primi nel mondo per decessi e casi di contagio e che contano già 22 milioni di americani che hanno chiesto un sussidio di disoccupazione”, ha attaccato Biden.

Solo nelle ultime 24 ore negli USA sono morte oltre 1.400 persone a causa del Covid-19.