Una nuova giornata di paura e tensione per Venezia, che si appresta ad affrontare un venerdì di alta marea.  Le previsioni già critiche erano infatti peggiorate: la stima era stata rivista al rialzo dai 150 centimetri precedenti a 160 cm sul medio mare alle 11.20. Dalle rilevazioni è emerso invece la marea ha raggiunto alle 11.26 una punta massima di 154 alla Punta della Salute e che, come spiegano dall’ufficio meteo del Comune, sta scendendo lentamente. Alto il valore anche a Burano dove la marea ha raggiunto i 149 centimetri e a Chioggia con 146. L’area centrale della città è invece semideserta e allagata per il 70%.

Piazza San Marco alle 8 era già abbondantemente allagata per quasi 20 centimetri, col sindaco Luigi Brugnaro che ha quindi deciso di chiudere la piazza annunciando la misura con un tweet: “Stiamo dando gli ordini alla nostra polizia locale e ai carabinieri: chiudiamo la piazza per ogni evenienza, in modo da non mettere a rischio l’incolumità delle persone”. Le passerelle che solitamente vengono piazzate per permettere il transito delle persone, unico collegamento tra i due lati della piazza, sono state quindi rimosse.

Anche il servizio di trasporto pubblico di linea di Venezia è stato sospeso nel suo complesso per l’altezza di marea superiore a 140 centimetri: vengono infatti effettuati solamente i collegamenti con le isole dagli impianti rimasti accessibili.