Campania inserita nell’area gialla, quella con restrizioni meno stringenti rispetto alla zona arancione e rossa, e la reazione del governatore Vincenzo De Luca non si lascia attendere.  Pronta una nuova ordinanza che confermerà la chiusura delle scuole nonostante l’area in questione prevede la didattica in presenza ad eccezione delle scuole superiori.

In Campania le scuole sono chiuse da settimane e, da quanto si apprende da fonti della Regione, la posizione di De Luca resterà inamovibile.  Verrà dunque confermata la chiusura di ogni grado delle scuole che proseguiranno con didattica a distanza, quindi dopo la pubblicazione del provvedimento del governo in gazzetta Ufficiale verrà emessa un’ordinanza per confermare la chiusura.

LE ZONE GIALLE – Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Provincia di Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria, Toscana, Veneto.

COSA SI PUO’ FARE

  • Coprifuoco: Tutti a casa dalle 22 alle 5 del giorno successivo
  • Mobilità: Durante la giornata non ci sono limiti ma alle 22 scatta il coprifuoco. Dopo le 22 è possibile uscire soltanto per “comprovate esigenze” dunque motivi di lavoro, salute e emergenze.
    È necessario avere l’autocertificazione. Il modulo va compilato con le generalità e il motivo dello spostamento e consegnato in caso di controllo. Se si tratta di un’urgenza non si deve indicare il nominativo delle persona da cui si va per motivi di privacy.
  • Scuola: Didattica a distanza nelle scuole superiori perchè la circolazione del virus è maggiore tra i ragazzi tra i 14 e i 19 anni, stando ai dati rilevati dal ministero della salute. Saranno fatti salvi i laboratori e le attività dedicate ai ragazzi disabili e a chi ha bisogni educativi speciali.
  • Attività commerciali: Bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie sono aperti ma fino alle 18. Dopo è consentita la consegna a domicilio e fino alle 22 si può prendere cibo da asporto ma non si può consumarlo nelle adiacenze del rivenditore o all’aperto. I centri commerciali sono aperti ma solo fino al venerdì e nei giorni festivi sono chiusi.
  • Trasporto pubblico: Si torna al 50% su bus e treni regionali
  • Attività culturali: Dopo cinema e teatri, chiusi anche musei e mostre
  • Concorsi: Stop a tutti i concorsi pubblici, compreso l’enorme e atteso concorso per la scuola, fatta eccezione per quelli relativi all’assunzione del personale sanitario
  • Parchi: Consentito l’accesso nelle aree verdi, rispettando la distanza di un metro e il divieto di assembramenti
  • Attività culturali: Dopo cinema e teatri sono stati chiusi anche i musei e le mostre.
  • Attività sportive: È consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività. Palestre e piscine sono chiuse: l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati sono consentite con la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni a detti circoli.

QUANTO DURANO LE MISURE: Fino al 3 dicembre

LO SCONTRO DE LUCA-GOVERNO – In giornata lo stesso De Luca aveva attaccato l’Esecutivo: “L’ultimo Dpcm stabilisce il blocco della mobilità dalle 22 alle 5. Sembra francamente che sia una misura più che contro il Covid, contro il randagismo, visto che non interessa il 99 per cento dei cittadini”.

Le richieste avanzate dalle Regioni, rappresentate da Stefano Bonaccini (governatore dell’Emilia-Romagna), non sono state accolte dall’Esecutivo. Dure le parole di De Luca che polemizza sul coprifuoco e sull’assenza dei controlli anche durante l’arco della giornata: “La cosa grave è che, nel frattempo, non si decide nulla rispetto alle decine di migliaia di persone che, nei fine settimana, nelle domeniche, si riversano in massa sui lungomari e nei centri storici, senza motivi di lavoro o di salute, e nell’assenza di ogni controllo”.

Messaggio anche alla ministra Lucia Azzolina: “Ci si domanda inoltre, cosa sia cambiato rispetto ai due mesi passati, nel corso dei quali il ministro della Pubblica Istruzione ci ha ripetuto che mai e poi mai si sarebbe chiusa l’attività all’interno delle scuole. Si sono perse settimane preziose e nel frattempo sono aumentati in modo pesante i contagi anche nella fascia 0-18 anni. In più, si prevede per i bambini delle elementari l’obbligo di indossare in classe la mascherina. E’ francamente sconcertante”.

L’intervento dell’Esecutivo è considerato tardivo: “Si trovano nel dpcm anche misure utili e significative. Ma è evidente la linea generale assunta dal Governo: anziché scegliere in modo chiaro la linea della prevenzione del contagio, si sceglie di intervenire dopo che il contagio è esploso. È una linea poco responsabile e soprattutto poco efficace dal punto di vista dei risultati. Con l’aggravante di questo calvario di disposizioni, parziali e a getto continuo, che crea sconcerto fra i cittadini, divisione tra le categorie, tensioni sociali. In più non si è data a tutti i cittadini la percezione della drammaticità della situazione, spingendo tante persone, anche per la mancanza di controlli rigorosi ed efficaci, verso comportamenti di lassismo o di vera e propria irresponsabilità”.

De Luca ricorda le tre richieste avanzata e rimaste inascoltate: “Avevamo chiesto al Governo tre cose precise: misure immediate di ristoro o di detassazione; congedi parentali per le madri lavoratrici dipendenti, con retribuzione piena e bonus baby sitter per le lavoratrici autonomi; misure omogenee e semplici su tutto il territorio nazionale, dato che il contagio è ormai diffuso in tutto il paese. Queste richieste – conclude – non sono state accolte. Si assumerà il Governo la responsabilità sanitaria e sociale conseguente alle sue scelte, sempre ritardate, e sempre parcellizzate”.