Una scelta di discontinuità rispetto ai suoi predecessori, in particolare con il precedente Guardasigilli Alfonso Bonafede. Il ministro della Giustizia Marta Cartabia ha infatti deciso di affidarsi anche ad avvocati e professori per gli incarichi nei settori chiave del ministero di via Arenula, dove solitamente veniva scelti prevalentemente, se non proprio esclusivamente, magistrati.

Come sottolinea l’Ansa, l’ex presidente della Consulta ha confermato nel suo posto di capo di gabinetto il magistrato casertano Raffaele Piccirillo, che ha ‘servito’ anche nel periodo di Bonafede. Ma accanto a Piccirillo ci sarà il professore Nicola Selvaggi, docente di diritto penale, mentre sarà una donna a guidare l’Ufficio legislativo, la presidente della Sezione Famiglia alla Corte d’appello di Roma Franca Mangano. Il vice della Mangano sarà l’avvocato milanese Filippo Danovi. Per ora restano confermati i vertici del Dap, il Dipartimento amministrazione penitenziaria scelti anche in questo caso da Bonafede: il capo Bernardo Petralia e il suo vice Roberto Tartaglia, col primo arrivato dal Dap dopo il siluramento di Francesco Basentini per la vicenda che ha riguardato le scarcerazioni dei boss dalle carceri durante l’emergenza Covid.

IL VERTICE DI MAGGIORANZA SULLA GIUSTIZIA – Il prossimo 9 marzo invece la neo ministro della Giustizia sarà impegnata in una riunione col collega Federico D’Incà, ministro per i rapporti con il Parlamento e le Riforme, con i capigruppo della maggioranza nelle Commissioni Giustizia di Camera e Senato.

Al centro della discussione ci sarà ovviamente il tema della prescrizione dopo il rinvio di fatto di ogni decisione in merito con la bocciatura nei giorni scorsi alla Camera di un emendamento di Fratelli d’Italia che chiedeva di congelare la riforma Bonafede fino al 31 dicembre 2023.

Una riunione necessaria anche per condividere le linee programmatiche la ministra dovrà presentare a breve in Parlamento.

Romano di nascita ma trapiantato da sempre a Caserta, classe 1989. Appassionato di politica, sport e tecnologia