Il mondo del calcio femminile sotto choc in Francia. Aminata Diallo calciatrice del Psg, è stata messa in stato di fermo dalla polizia francese per essere stata la mandante del pestaggio di una compagna di squadra, la 31enne Kheira Hamraoui, secondo quanto riportato dal quotidiano sportivo francese L’Equipe. Il club ha rilasciato una nota dove assicura: “Collaboreremo con la polizia per fare luce sui fatti”.

Diallo, 26enne centrocampista del Paris Saint Germain, ha riaccompagnato la sera del 4 novembre la vittima a casa, nel distretto dell’Yvelines, dopo una cena organizzata dalla squadra in un ristorante della capitale. All’arrivo, due sconosciuti si sono avvicinati al veicolo e se la sono presa con Kheira Hamraoui, colpendola più volte con una sbarra di ferro.

La calciatrice è stata poi portata all’ospedale di Poissy, dove è stata medicata con diversi punti alle mani e alle gambe. A causa della convalescenza, la 31enne Hamraoui ha dovuto saltare il match casalingo di martedì scorso valido Champions League femminile contro il Real Madrid, vinto dal Psg per 4 a 0. Al suo posto è stata schierata titolare proprio Diallo, a cui spesso è stata preferita Hamraoui dall’inizio della stagione. Come rivelato da L’Equipe Diallo, che all’attivo ha anche sette presenze nella nazionale francese, potrebbe aver architettato il pestaggio per motivi di rivalità interna al gruppo.

Il club parigino dopo aver appreso la notizia, ha diramato un comunicato ufficiale: “Il Paris Saint-Germain prende atto del fermo di polizia di Aminata Diallo questa mattina da parte del Versailles SRPJ nell’ambito del procedimento avviato a seguito di un’aggressione giovedì sera contro una giocatrice del club. Il Paris Saint-Germain condanna fermamente le violenze commesse. Da giovedì sera 4 novembre il Club ha adottato tutte le misure necessarie per garantire la salute, il benessere e la sicurezza delle proprie giocatrici. Il Paris Saint-Germain sta collaborando con la Versailles SRPJ per fare luce sui fatti. Il Club è attento all’andamento delle indagini e studierà le decisioni da prendere in seguito”.

Redazione