Si chiama Natalya Nikolayevna Demkina ed è nata in Russia a Saransk nel 1987. La donna oggi 34enne avrebbe sviluppato all’età di 10 anni “un potere magico“. Infatti Natalya, chiamata da tutti Natasha, riuscirebbe a vedere all’interno dei corpi umani. La sua vista a raggi x le permetterebbe di veder organi e tessuti e quindi di fare diagnosi mediche.

Il ‘superpotere’ lo avrebbe ottenuto in seguito a un’operazione all’appendice. La ragazza, rientrata a casa con la madre, ha fatto sapere che “all’improvviso ho avuto una visione – sono queste le parole di NatashaE’ stato come un lampo. Ho visto il corpo e gli organi di mia madre. Per una frazione di secondo, posso vedere un’immagine a colori e poi iniziare ad analizzarla come se fosse un esame“. Nel 2003, un canale televisivo ha mandato in onda un servizio che parlava della giovane donna e le ha fatto dimostrare dal vivo le sue capacità. Fu lì che la soprannominarono “X-Ray Girl“. Così la giovane ragazza aveva raccontato la sua ‘prima visione’ nel documentario mandato in onda da Discovery Channel.

Stupita dalle parole della figlia, la mamma Tatyana Vladimovna l’aveva accompagnata in un ospedale locale e subito era diventata il “soggetto di studio” per tutti i medici. E’ stata sottoposta a diverse prove che la ragazza ha concluso con ottimi risultati. Infatti con il semplice sguardo rivolto al corpo di alcuni pazienti sarebbe riuscita a individuare ulcere, cancri o cisti. Avrebbe anche salvato la vita a una donna anziana che era ricoverata in un ospedale a causa di un cancro. Infatti Natasha aveva comunicato ai medici che in realtà la donna aveva solo una semplice ciste. Dopo questa affermazione, la donna “malata” si era sottoposta a ulteriori esami che confermarono la diagnosi fatta dalla ragazza “raggi X“.

Nel 2004, Demkina è entrata a far parte dell’Università statale di medicina e odontoiatria di Mosca. Inoltre, durante lo stesso anno anche il giornale inglese The Sun aveva raccontato la storia della ragazza “raggi X” dando una serie di dimostrazioni a tutto il pubblico inglese. Il giornale The Guardian invece aveva dichiarato che mentre stavano conducendo un’intervista alla ragazza, Natasha aveva identificato le diverse fratture e i perni metallici in una donna che poi successivamente aveva dichiarato di essere rimasta vittima di un incidente stradale. Nel gennaio 2006 ha fondato il Natalya Demkina Special Diagnostic Center, il cui obiettivo è quello di lavorare in collaborazione con professionisti della medicina tradizionale e persone con abilità speciali come lei.

Laureata in relazioni internazionali e politica globale al The American University of Rome nel 2018 con un master in Sistemi e tecnologie Elettroniche per la sicurezza la difesa e l'intelligence all'Università degli studi di roma "Tor Vergata". Appassionata di politica internazionale e tecnologia