È stato una delle foto-simbolo dell’assalto dei supporter di Trump al Congresso, la ‘presa’ dell’ufficio di Nancy Pelosi, speaker della Camera per i Democratici. L’uomo che sfidando le autorità metteva le sua scarpe sulla scrivania dell’esponente Dem è stato arrestato: si stratta di Richard Barnett, 60enne dell’Arkansas che si era fatto fotografare con i piedi sulla scrivania della Pelosi, frugando fra le sue cose.

Una sfida totale, quella di Richard “Bigo” Barnett, che una volta uscito dal Congresso aveva anche raccontato ad un giornalista del New York Times di aver rubato alcuni documenti alla speaker della Camera.

Le accuse nei suoi confronti sono ingresso in una struttura ad accesso limitato, entrata con la forza e furto di materiale di Stato.

JAKE ANGELI, LO SCIAMANO DI QANON – Tutto il mondo lo ha visto durante le proteste a Washington entrare a Capitol Hill a torso nudo, con un folcloristico copricapo con corna e pelliccia di bisonte, amuleti, tatuaggi e volto dipinto con i colori della bandiera americana. Jake Angeli, 32 anni, italoamericano, è diventato un po’ il volto dei disordini aizzati da Trump contro laratifica della vittoria di Joe Biden.

Meglio conosciuto come lo “Sciamano di QAnon”, è già stato protagonista di diverse proteste contro “l’elezione rubata”, è seguace delle teorie complottiste secondo cui il mondo è governato da una rete segreta di pedofili nemici di Trump e il 6 gennaio con bandiera e megafono alla mano ha guidato il manipolo di manifestanti per ‘espugnare’ la fortezza di Capitol Hill.

Angeli, che vive a Phoenix, è molto noto negli ambienti di ultradestra. Ha risposto alla chiamata di Trump che ha radunato a Washington i suoi per protestare. Era tra i circa tremila che hanno partecipato alla marcia “Save America”. Una folla composita e varia tipica dei comizi di Trump. C’erano i Proud Boys, i Boogaloo, i complottisti di QAnon come lo ‘Sciamano’, famiglie, giovani e donne come quelle di “Women for America First”: un’associazione creata in risposta all’impeachment di Trump poi contro le mascherine.