È uno dei dati più imbarazzanti che arriva dalle elezioni americane. Durante l’Election night è arrivata infatti l’ufficialità dell’ingresso al Congresso, nella Camera dei rappresentati, di QAnon. La Repubblicana Marjorie Taylor Greene, debuttante nel mondo della politica e aperta sostenitrice della teoria del complotto che sostiene come Trump stia conducendo una guerra segreta contro il ‘deep state’ e contro una rete globale di pedofili adoratori di Satana (tra cui Obama, Hillary Clinton e George Soros), è stata eletta nel distretto 14 della Georgia.

L’imprenditrice 46enne, salutata dal presidente Trump come “una futura stella repubblicana”, era salita all’onore delle cronache americane e internazionali per i suoi commenti razzisti e per aver apertamente rivelato di appoggiare le teorie di QAnon.

Greene, che alle primarie repubblicane di agosto aveva sconfitto un concorrente più moderato, dopo l’elezione ha twittato un “Big win tonight”, “Una grande vittoria stanotte”. La sua campagna elettorale ha avuto come slogan principale “Salva l’America, ferma il socialismo”.

Romano di nascita ma trapiantato da sempre a Caserta, classe 1989. Appassionato di politica, sport e tecnologia