Quello a Bratislava è il primo viaggio internazionale del Papa dopo il ricovero in ospedale al gemelli a inizio luglio. “Sono ancora vivo”, ha detto ai cronisti sorridendo prima di entrare nella cattedrale di San Martino. È apparso in splendida forma, sorridente e con voglia di scherzare.

Francesco incontra le autorità nel Palazzo presidenziale e dice che per uscire bene dalla pandemia occorre “fraternità”. “L’integrazione è sempre più necessaria”, dice. E ancora: “Essa urge ora, in un momento nel quale, dopo durissimi mesi di pandemia, si prospetta, insieme a molte difficoltà, una sospirata ripartenza economica, favorita dai piani di ripresa dell’Unione Europea”.

Nel suo discorso ai vescovi e al clero della Slovacchia nella Cattedrale di San Martino, a Bratislava, Papa Francesco ha voluto toccare un argomento che gli sta particolarmente a cuore, aprendo un’ampia parentesi ‘a braccio’ sulla predicazione. “Qualcuno mi ha detto che in ‘Evangelii gaudium’ mi sono fermato troppo sull’omelia, perchè è uno dei problemi di questo tempo – ha esordito -. ì’, l’omelia non è un sacramento, come pretendevano alcuni protestanti, ma è un sacramentale! Non è una predica di Quaresima, no, è un’altra cosa. È nel cuore dell’Eucaristia”.

“E pensiamo ai fedeli – ha quindi avvertito -, che devono sentire omelie di 40 minuti, 50 minuti, su argomenti che non capiscono, che non li toccano…”. “Per favore, sacerdoti e vescovi – ha esortato Francesco -, pensate bene come preparare l’omelia, come farla, perchè ci sia un contatto con la gente e prendano ispirazione dal testo biblico”. “Un’omelia, di solito – ha prescritto -, non deve andare oltre i dieci minuti, perchè la gente dopo otto minuti perde l’attenzione, a patto che sia molto interessante. Ma il tempo dovrebbe essere 10-15 minuti, non di piu'”.

“Un professore che ho avuto di omiletica – ha ricordato il Papa -, diceva che un’omelia deve avere coerenza interna: un’idea, un’immagine e un affetto; che la gente se ne vada con un’idea, un’immagine e qualcosa che si è mosso nel cuore”. “Cosi’, semplice, è l’annuncio del Vangelo! – ha sottolineato – E così predicava, Gesù che prendeva gli uccelli, che prendeva i campi, che prendeva questo… le cose concrete, ma che la gente capiva. Scusatemi se torno su questo, ma a me preoccupa…”.

E dopo l’immediato applauso scaturito dalla navata, Bergoglio ha aggiunto: “Mi permetto una malignità: l’applauso lo hanno incominciato le suore, che sono vittime delle nostre omelie!”. Sempre nel discorso in Cattedrale ai vescovi e ai sacerdoti slovacchi, il Papa si è concesso un altro inciso ‘a braccio’ toccando il tema della Chiesa che dev’essere “segno di libertà e di accoglienza” e dell’annuncio del Vangelo che “sia liberante, mai opprimente”. “Sono sicuro che questo mai si saprà da dove viene – ha raccontato -. Vi dico una cosa che è successa tempo fa. La lettera di un Vescovo, parlando di un Nunzio. Diceva: ‘Mah, noi siamo stati 400 anni sotto i turchi e abbiamo sofferto. Poi 50 sotto il comunismo e abbiamo sofferto. Ma i sette anni con questo Nunzio sono stati peggiori delle altre due cose!’. A volte mi domando: quanta gente può dire lo stesso del vescovo che ha o del parroco? Quanta gente? No, senza libertà, senza paternità le cose non vanno”.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.