Preoccupa l’avanzata del virus in tutto il mondo. In Germania nelle ultime 24 ore il numero dei contagi ha superato la quota mille: non succedeva dal 7 maggio scorso. Si tratta del maggior numero di infezioni da coronavirus in un giorno negli ultimi 3 mesi. Intanto l’Inghilterra impone la quarantena a chi arriva dal Belgio, Spagna e Lussemburgo.

“Le istituzioni repubblicane hanno retto”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante l’informativa in Senato sull’emergenza Coronavirus. “Ma questo può farci dire che la battaglia è vinta? Credo di no”, aggiunge. “L’Italia sta meglio di altri Paesi, ma credo che non possiamo ritenerci al sicuro”, sottolinea. “In Europa la situazione non è affatto tranquilla, basta guardare ai Balcani, dove i numeri sono in crescita”, ma “la situazione è in bilico anche in altri Paesi europei, come la Spagna”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante l’informativa in Senato sull’emergenza Coronavirus. “L’Italia è messa meglio di altri Paesi, questo è un dato oggettivo che ci viene riconosciuto anche a livello internazionale – aggiunge -. E’ il risultato di tutto il Paese, non di una parte. È il risultato del governo, delle Regioni, del Parlamento e prima di tutto del nostro Servizio sanitario nazionale, di cui dobbiamo essere orgogliosi. È un risultato dei nostri medici, degli infermieri, degli operatori sanitari”.

Secondo i dati dell’Oms sono 629mila i casi confermati di contagi registrati dall’inizio della pandemia nei Paesi dell’Europa centrale e orientale. La crescita percentuale su base settimanale dei contagi totali, sulla base di elaborazioni aggiornate al 3 agosto, è stata particolarmente sostenuta nell’ultima settimana in Kosovo, Bosnia-Erzegovina e Romania. Bielorussia, Moldova, Macedonia del Nord, Montenegro e Kosovo registrano più casi totali confermati per milione di abitanti rispetto all’Italia.

Fuori dall’Europa preoccupa la situazione negli Usa, che continua ad essere il Paese più colpito con più di 157mila morti. Segue il Brasile con 95mila. Gli Stati Uniti hanno registrato più di 1.200 nuovi decessi nelle ultime 24 ore, secondo il conteggio di mercoledì della Johns Hopkins University. Una cifra simile a quella del giorno prima che porta a quasi 158.000 il numero totale dei morti registrati nel Paese dall’inizio della pandemia.

La situazione è critica anche in Sudafrica, che sta per sorpassare la soglia del milione di casi di coronavirus, pari a circa il 5% del totale nel mondo, con quasi 21mila decessi. I casi di Covid registrati nei 54 Paesi del continente africano sono 968.020 e 20.612 le morti per coronavirus. Rispetto alla recedente rilevazione settimanale del 28 luglio c’é stato un incremento del 13%, per la maggior parte nell’Africa australe.