Pretendeva la precedenza rispetto all’ambulanza, che – con a bordo un paziente in codice giallo – stava cercando di raggiungere l’ospedale più vicino. Così è sceso dall’auto e ha iniziato a inveire verbalmente contro i soccorritori, poi ha sferrato pugni e calci nella fiancata del veicolo.

È successo a Pianura, quartiere di Napoli, in via Luigi Santamaria: una strada stretta, dove si sono trovate una di fronte all’altra l’ambulanza e l’auto dell’aggressore. Quest’ultimo avrebbe chiesto quindi al mezzo di soccorso di indietreggiare perché “aveva fretta” e al diniego degli operatori è andato in escandescenze. A segnalare l’episodio è “Nessuno tocchi Ippocrate”, associazione a tutela degli operatori sanitari di Napoli.

“L’equipaggio ha evitato il peggio – spiega Nti in un comunicato – chiudendo le sicure barricandosi all’interno, salvaguardando soprattutto l’incolumità del povero paziente inconsapevole di tutto quello che stava succedendo. Purtroppo la paura e i danni alla carrozzeria sono stati ingenti”.

Un’altra segnalazione riguarda invece un’ambulanza della Croce Rossa Italiana, imbrattata nella notte dopo un intervento al centro storico di Napoli. Si tratta della postazione 118 di Miano della Asl Napoli 1 Centro. Il mezzo è rimasto fermo in carrozzeria per alcune ore “al fine di restituirgli il decoro che merita”. Il tutto avviene, sottolinea Nti, nel giorno della fondazione della Croce Rossa Italiana, il 15 giugno del 1864.

Napoletano, Giornalista praticante, nato nel ’95. Ha collaborato con Fanpage e Avvenire. Laureato in lingue, parla molto bene in inglese e molto male in tedesco. Un master in giornalismo alla Lumsa di Roma. Ex arbitro di calcio. Ossessionato dall'ordine. Appassionato in ordine sparso di politica, Lego, arte, calcio e Simpson.