Sarà, come ampiamente pronosticato, testa a testa tra il presidente uscente Emmanuel Macron e la leader del Rassemblement National Marine Le Pen al secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia. Il ballottaggio si terrà tra due settimane, domenica 24 aprile. Un remake delle elezioni presidenziali del 2017. E già i primi sondaggi pronosticano l’esito finale che resta comunque tutt’altro che certo.

I risultati definitivi: E. Macron 27,84% (9.785.578 voti), M. Le Pen 23,15% (8.136.369), J. L. Mélenchon 21,95%, E. Zemmour 7,07%, V. Pécresse 4,78%, Y. Jadot 4,63%, J. Lassalle 3,13%, F. Roussel 2,28%, N Dupont-Aignan 2,06%, A. Hidalgo 1,75%, P. Poutou 0,77%, N. Arthaud 0,56%. Alta l’astensione, al 26,31%, è il dato più alto dal 2002 quando toccò il picco del 28,4% quando al ballottaggio arrivarono il presidente uscente Jacques Chirac e il fondatore del Front National Jean-Marie Le Pen, padre di Marine.

Secondo l’ultimo sondaggio di Elabe per Bfmtv e l’Express, Macron resta favorito per la vittoria finale con il 52% nelle intenzioni di voto contro il 48% in favore della leader del Rassemblement National. Alle scorse elezioni, Macron ha ottenuto il 66,1% dei consensi, Le Pen solo il 33%. Secondo un altro sondaggio elaborato da Ifop per LCI tra i due candidati nella corsa all’Eliseo ci sarebbero solo due punti di distacco con il presidente uscente al 51% e Marine Le Pen al 49%.

Mélenchon ha lanciato ieri un appello ai suoi elettori a “non dare un solo voto a Le Pen”. E tra questi si riconoscono tre gruppi: il 35 per cento a favore del presidente uscente, il 34 per cento in sostegno alla populista e un altro 31 per cento di astenuti. Stesso appello da parte della candidata socialista Anne Hidalgo e da parte del leader del Pcf Fabian Roussel. Zemmour ha invece invitato i propri elettori a votare per Le Pen.

Macron oggi pomeriggio si è recato a Denain, nel Nord del Paese per “convincere i nostri concittadini che hanno votato per il Front National o che non si sono uniti a me”. “Invito i nostri concittadini, qualunque sia la loro sensibilità, ad unirsi a noi. Alcuni lo faranno per bloccare l’estrema destra e ne sono consapevole“, aveva detto ieri sera il presidente uscente della Francia parlando dal palco dopo il primo turno. “Nulla è acquisito, il dibattito che avremo nei prossimi quindici giorni è decisivo per la Francia e per l’Europa”, ha aggiunto Macron.

Le Pen invece si è recata a Thorigny-sur-Oreuse, nell’Yonne, per incontrare un produttore di cereali. “Il popolo francese mi ha concesso l’onore di arrivare al secondo turno. Esprimo agli elettori la mia più sincera gratitudine. Vedo la speranza che le forze della ripresa del Paese siano in aumento. Tutti coloro che oggi non hanno votato per Emmanuel Macron sono chiamati a unirsi al nostro Rassemblement”, ha affermato la candidata di Rn.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.