Gli uomini più delle donne. È quanto hanno detto fin qui le statistiche sull’incidenza del coronavirus sulla popolazione mondiale. La risposta potrebbe essere biologica.

I testicoli, infatti, potrebbero essere una sorta di rifugio per il virus. A rivelarlo è uno studio condotto negli Usa dal Montefiore Health System e dall’Albert Einstein College of Medicine, in collaborazione con l’Ospedale di Malattie Infettive Kasturba di Mumbai in India. Secondo lo studio quando il Covid-19 entra nel corpo si lega al recettore umano di ACE2, (enzima associato alla trasformazione dell’angiotensina), che costituisce il punto di ingresso nelle cellule umane per il virus Sars-Cov-2. L’ACE2 è individuabile nel tessuto polmonare, intestinale, cardiaco. Secondo lo studio, è presente anche nei testicoli. Nel tessuto ovarico, invece, la concentrazione è notevolmente inferiore.

Oltre alla maggiore incidenza del virus tra lo studio aggiunge un altro dato: 20 pazienti di sesso femminile hanno impiegato in media 4 giorni per guarire dal virus. Gli uomini hanno avuto bisogno di 6 giorni.