Il Missouri ha depositato una causa contro la Cina, colpevole di aver occultato delle informazioni essenziali sul coronavirus. A causa della crisi economica scatenata dal Covid-19 molte persone sono scese in strada nello stato del Midwest per manifestare contro le restrizioni. E il procuratore generale del Missouri, Eric Schmitt, nell’azione ha evidenziato in particolare i danni economici scatenati dalla pandemia.

“Durante le settimane decisive dell’epidemia iniziale – si legge nel testo della causa – le autorità cinesi hanno ingannato l’opinione pubblica, occultando le informazioni cruciali, arrestato gli informatori anonimi, negato la trasmissione da uomo a uomo di fronte a prove crescenti, distrutto la ricerca medica critica, permesso a milioni di persone di essere esposte al virus e persino accumulato dispositivi di protezione individuale, causando così una pandemia globale che non era necessaria ed era prevenibile”.

Il testo dell’azione legale fa riferimento a diversi articoli di giornale. E ambiguità sull’atteggiamento di Pechino erano state infatti evidenziate da un report dell’intelligence statunitense consegnato alla Casa Bianca; da un’inchiesta dell’Associated Press che aveva sottolineato come le autorità cinesi abbiano tardato nel rendere nota l’emergenza; dal Washington Post che facendo riferimento ai cablo di due diplomatici raccontava di situazioni a rischio in due laboratori di Wuhan, la città focolaio dell’epidemia. La causa cita anche Breitbart News, media di riferimento dell’ultra-destra americana.

Il Missouri chiede allora un risarcimento dall’entità non meglio specificata per la perdita di vite umane, la sofferenza e gli ingenti danni economici causati dal virus. Non è la prima azione del genere: già tre cittadini di New York, secondo quanto riportato da Abc News, avevano denunciato un’azione contro l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) accusandola di collusione con la Cina nell’aver occultato la pandemia.

Gli Stati Uniti sono il Paese più colpito dal Covid-19. Secondo i dati della Johns Hopkins University sono oltre 825mila i casi positivi. Il Missouri, secondo il New York Times, conta 5.941 casi, 221 vittime.