Domenica sera Forcella è diventata teatro di violenza. Intorno alle 10 nella parte bassa di via dei Tribunali un gruppo in scooter girava nel dedalo di viuzze a folle velocità scatenando l’inferno. Hanno investito Veronica Carrasco, 41enne. Da allora lotta al Cardarelli tra la vita e la morte: ha bisogno di trasfusioni per le gravi lesioni al fegato e alla milza riportate, fratture scomposte a una gamba e a un braccio, denti rotti e alcune ferite al volto.

Al suo fianco veglia il marito, Raffaele Del Gaudio, ristoratore della zona. “Li ho denunciati tutti, non temo nessuno”, ha detto intervistato da Repubblica. Il giovane ristoratore ha raccontato cosa è successo domenica sera fuori al suo ristorante: il gruppo in scooter è passato davanti al ristorante a folle velocità travolgendo la donna. L’investitore si è dileguato e poco dopo davanti al ristorante è arrivata tutta la banda: “Una paranza, saranno stati in trenta”, ha detto.

A quel punto la banda ha scatenato l’inferno: reclamavano la moto rimasta lì a terra nel tentativo di occultare il “pirata”. Così sono scattate le violenze. Il fratello del proprietario del locale è stato colpito da calci e pugni. Colpiti anche due turisti spagnoli che erano lì, uno accoltellato, l’altro con il setto nasale rotto. “Mi urlavano: Statti zitto e non fare nomi, ti mettiamo una bomba sotto il locale, sappiamo dove stai di casa’ – ha raccontato Raffaele Del Gaudio – Poi hanno colpito mio fratello con degli schiaffi, hanno iniziato a lanciare tavoli e sedie, hanno assalito i due turisti. Volevano far sparire il mezzo per non risalire a loro. Questo è un ‘sistema’, una paranza complice che viene a buttare mazzate per far sparire le tracce”.

Il ristoratore ha denunciato l’autore di quella violenza che definisce “malavitoso appartenente alla camorra” e parla “di paranze di moto che girano a scopo intimidatorio nel quartiere”. Raffaele è stufo di quella violenza insensata: “Veronica mi aiuta tutte le domeniche – continua – Quella moto circolava da settimane senza targa, sempre lo stesso giro. Le accelerazioni si sentivano a distanza, mai nessun controllo: eppure ho richiesto più volte l’intervento delle forze dell’ordine dopo scippi e rapine in via dei Tribunali”. Intanto Sandro Ruotolo, senatore del gruppo misto, ha chiamato a raccolta cittadini e istituzioni sabato alle 13 al locale di Raffaele per esprimere solidarietà.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.