Donald Trump assume da quasi due settimane l’idrossiclorochina per prevenire l’infezione da Coronavirus. A dirlo parlando con alcuni giornalisti alla Casa Bianca è stato lo presidente degli Stati Uniti, negativo a tutti i test effettuati sul Covid-19. “È una settimana e mezza che la prendo e sono ancora qui, sono ancora qui”, ha detto il tycon.

L’idrossiclorochina è un farmaco normalmente utilizzato nei casi di artrite reumatoide e malaria: dall’emergere della pandemia di Coronavirus si è rivelata importante per prevenire l’eccessiva risposta infiammatoria che l’organismo umano attiva per contrastare l’infezione, che a sua volta è responsabile dei danni ai polmoni riscontrati sui pazienti più gravi affetti da Covid-19.

Ma sulla sua efficacia ancora oggi non vi sono evidenze scientifiche definitive, pur essendo l’idrossiclorochina oggetto di numerosi studi effettuati da laboratori e università di tutto il mondo per valutarne l’effetto rischi-benefici.

Sempre negli Stati Uniti la stessa Food and Drugs Administration, l’ente governativo che si occupa di regolamentare i prodotti farmaceutici, aveva messo in guardia gli americani dai rischi di assumere il farmaco fuori da strutture ospedaliere, sottolineando le possibili conseguenze dannose.

Parole che non hanno avuto particolari effetti su Trump, che ha rivendica di prenderne “una pillola al giorno”. Alle domande dei giornalisti sull’efficacia del farmaco, il presidente Usa ha risposto così: “Sareste sorpresi se sapeste quante persone la stanno prendendo, soprattutto tra i lavoratori impegnato in prima linea. Ricevo molte chiamate positive a riguardo, ecco le mie prove”.

Le parole di Trump hanno provocato la reazione anche di Neil Cavuto, noto giornalista e conduttore televisivo di Fox News, la rete ultraconservatrice punto di riferimento dello stesso presidente. “Se sei in una fascia di popolazione a rischio e la prendi come trattamento preventivo… ti ucciderà. Non posso sottolinearlo abbastanza. Ti ucciderà”, ha dichiarato il conduttore tv.