La Lega di Salvini ormai tallonata da vicino dal Partito Democratico, che riduce lo svantaggio sotto il punto percentuale. È il quadro che emerge dall’ultimo sondaggio realizzato da Ixè per l’osservatorio politico nazionale al mese di novembre.

LE INTENZIONI DI VOTO – Il Carroccio scende ancora rispetto allo scorso mese di uno 0,1% attestandosi al 22,3%, vedendo ormai col binocolo il risultato delle Europee del 2019 quando toccò il 34,3%. Dietro il Partito Democratico di Zingaretti sale al 21,7% (+0,1%), separato da Salvini e soci da uno 0,6%.

Alle loro spalle brusco calo dopo mesi di crescita per Fratelli d’Italia: il partito di Giorgia Meloni passa dal 16,9 per cento al 16,3%, ma non ne approfitta il Movimento 5 Stelle che si attestano al 15,6% (-0,2%).

Tra i partiti sotto la doppia cifra, Forza Italia sale all’8,1% (+0,4%), mentre sono molto più staccati Italia Viva (2,7%), Sinistra (2,6%), Azione (2,3%), +Europa (1,8%).

LA FIDUCIA NEI LEADER – Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte resta stabile in testa, tallonato però dal governatore veneto Luca Zaia, mentre sul terzo gradino del podio c’è il ministro della Salute Roberto Speranza Dietro Giorgia Meloni si conferma davanti a Matteo Salvini, a sua volta davanti a Zingaretti, Berlusconi, Di Maio e Renzi.

LA PREOCCUPAZIONE PER IL COVID – La preoccupazione per la pandemia si mantiene su livelli elevati. Al 21 novembre novembre l’87% degli italiani si dice preoccupato: di questi il 40% è “seriamente preoccupato” rispetto al Coronavirus, in calo di due puti rispetto allo scorso mese.