Si potrà bere al banco o seduti ai tavolini fino all’una di notte ma dalle 22 non sarà più possibile vendere bevande alcoliche da asporto. E’ quanto prevede la nuova ordinanza della regione Campania firmata dal governatore Vincenzo De Luca.

“Ho firmato l’Ordinanza numero 53 con ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da coronavirus” dichiara De Luca sui propri canali social. Nessuna limitazione d’orario di chiusura di ristoranti, pub e pizzerie.

La nuova ordinanza arriva dopo “le problematiche registrate nello scorso fine settimana e degli incontri avuti in settimana con le Camere di Commercio”.

Ecco in sintesi cosa prevede:

a) è fatto divieto di vendita con asporto di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, dopo le ore 22,00 da parte di qualsiasi esercizio commerciale (ivi compresi bar, chioschi, pizzerie, ristoranti, pub, vinerie, supermercati) e con distributori automatici;
b) dalle ore 22,00 alle ore 6,00, è fatto divieto di consumo di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, ivi comprese le ville e i parchi comunali;
c) per i bar, ‘baretti’, vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi ed esercizi di somministrazione ambulante di bibite, resta consentita la facoltà di apertura a partire dalle ore 5,00 ed è disposto l’obbligo di chiusura entro le ore 01:00, con obbligo di somministrazione esclusivamente al banco o ai tavoli a partire dalle ore 22,00.