Sebbene il Capodanno 2022 si stato ancora una volta diverso dal solito, con il divieto dei fuochi d’artificio e le feste vietate in piazza e nei locali, la città il 1 gennaio si è svegliata sommersa di rifiuti. Le grandi cene a casa e i botti che nonostante il divieto hanno illuminato la città alla mezzanotte, hanno triplicato la solita produzione di spazzatura. Ma il 2 gennaio la spazzatura è ancora lì in molte zone della città.

A colpire i tanti che se lo stanno chiedendo sono anche le strade molto sporche, soprattutto nelle zone cittadine in cui i fuochi artificiali sono esplosi maggiormente. A tutto questo c’è una spiegazione: il Covid. A spiegarlo in una nota è l’assessore comunale all’Ambiente Paolo Mancuso: “Siamo consapevoli che in questi giorni festivi la città non ha potuto godere della pulizia e del decoro che merita. I motivi purtroppo sono legati principalmente agli effetti che il covid ha avuto sul personale ASIA”.

Come sta succedendo dunque in molti settori l’ondata di Omicron ha colpito i lavoratori dell’Asia, addetti alla raccolta rifiuti e allo spazzamento. “Sono infatti circa 80 gli operatori in quarantena, più altri in malattia ordinaria – spiega Mancuso – Questo dato in termini reali comporta una evidente impossibilità di raccolta, pulizia e spazzamento; peraltro in un momento dell’anno dove i rifiuti prodotti aumentano in maniera esponenziale”.
“In questo momento l’azienda è riuscita ad effettuare nelle zone centrali uno spazzamento straordinario relativo ai fuochi d’artificio – continua la nota – In alcune aree periferiche, dove vi è stata più intensa esplosione di fuochi, occorre aspettare ulteriori 12 ore per evitare il rischio di pericolosi infortuni del personale”.

E conclude fiducioso: “Contiamo di rientrare ad un regime efficiente entro domani sera, scusandoci per il disagio. Siamo dinanzi ad una problematica nota da molti anni, che, aggravata dal Covid, ha determinato l’attuale situazione. Siamo però al lavoro affinché vi sia una risoluzione definitiva attraverso innanzitutto l’assunzione di nuovo personale che garantisca un efficientamento immediato del servizio”.

Avatar photo

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.