Negli Stati Uniti l’epidemia di Coronavirus continua a far paura. Nelle ultime 24 ore infatti, secondo il dato pubblicato dalla Johns Hopkins University, sono stati 1.592 i morti legati al Covid-19, il peggior bilancio giornaliero da due mesi e mezzo.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria il bilanci è così salito a 149.085 decessi, mentre sono oltre 60mila i nuovi contagi, dopo una leggera diminuzione nei due giorni precedenti, che portano a 4.346.748 i casi confermati.

Nonostante numeri per certi versi catastrofici, il presidente Donald Trump si dice ottimista e nel corso di un briefing alla Casa Bianca sul Covid-19 ha detto che “presto avremo il vaccino”, con una produzione che arriverà a consentire “500 milioni di dosi”.

Il presidente, in difficoltà nei sondaggi e nuovamente nel mirino del suo social network preferito, Twitter, per la pubblicazione di fake news sul Coronavirus, ha anche annunciato che grazie Defence Production Act la Kodak si trasformerà in una casa farmaceutica. Con un prestito da 765 milioni infatti inizierà la produzione di forniture mediche impiegando 360 persone a Rochester, nello stato di New York.

Nel corso del briefing non è mancata la polemica quando Trump ha ribadito di considerare efficace contro il Coronavirus l’idrossiclorochina, farmaco che in Italia l’Aifa, l’Agenzia del farmaco, ha sospeso nell’utilizzo per il trattamento del Covid-19. “Molti ritengono che sia di successo, altri no. Penso che sia una questione politica. Io l’ho preso per 14 giorni e sono qua”, ha ricordato il tycoon.

Quindi un passaggio quasi ‘ironico’ sulla popolarità acquisita dall’immunologo Anthony Fauci, da tempo in rotta con l’amministrazione Trump sulle misure da prendere per contrastare il contagio da Coronavirus.”Lavora per la mia amministrazione, non capisco perchè io non sia altrettanto popolare” sul coronavirus, “sarà la mia personalità”, ha concluso il presidente.