Un altro femminicidio si aggiunge al triste dato di quest’anno, che ha registrato oltre 105 vittime. Una donna di 50 anni di origine romena è stata uccisa con numerose coltellate nella sua abitazione al terzo piano di una palazzina a Quartu Sant’Elena, in provincia di Cagliari. Non è ancora chiaro a quando risale il delitto. La donna è stata trovata stesa e vestita sul letto nella sua camera da letto. Gli inquirenti non hanno notato alcun segno di effrazione sulla porta di ingresso né hanno trovato l’appartamento in disordine. I militari, assieme ai vigili del fuoco, hanno dovuto infatti forzare la porta d’ingresso per entrare nella casa.

Questa mattina, il corpo della donna è stato trovato in un lago di sangue sono stati dai carabinieri della compagnia di Quartu, dopo una segnalazione della sorella della donna che dalla Romania non riusciva più a contattarla. “Ci ha chiamato la sorella che non riusciva a contattarla da tre giorni – ha raccontato il capitano dei carabinieri della compagnia di Quartu, Michele Cerri – abbiamo aperto la porta con i vigili del fuoco e trovato il cadavere”.

Gli inquirenti ora sono alla ricerca di un uomo, un sardo, con cui la donna viveva da diversi mesi. Come raccontato ai carabinieri dagli inquilini dello stabile, tra i due erano frequenti discussioni e litigi, tanto che in alcuni casi sono state chiamate le forze dell’ordine. I militari sono ora al lavoro per ricostruire le ultime ore di vita della donna.

Redazione