Il campionato di Serie A è totalmente falsato. È l’opinione di Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria, alla vigilia della ripartenza delle partite della massima serie di calcio. Domani si giocheranno le prime partite dopo lo stop causato dall’emergenza covid. “All’inizio avevo chiesto la ripresa del campionato, ma la volevo subito. Adesso il campionato è totalmente falsato perché il Covid dentro di noi è entrato tantissimo e questa non è una scusante, dentro di noi proveremo a dare il massimo e di più. Adesso è tutto un punto interrogativo, non so quanto mi resiste  un giocatore e se riuscirà a farlo per 90 minuti”.

La Sampdoria giocherà domenica a Milano contro l’Inter. “Molti dicono che questo è come un inizio di campionato, ma non è la stessa cosa – ha continuato Ranieri – un inizio è quando i giocatori tornano dal mare dove hanno scaricato lo stress. Quando inizi il ritiro trovi una squadra rilassata e piena di voglia di fare. Questo non lo è, abbiamo fatto una preparazione ma adesso dobbiamo vedere, i ragazzi si sono comportati benissimo, ma adesso voglio vedere sul campo cosa siamo capaci di fare. Io sono come San Tommaso, voglio vedere sul campo cosa siamo capaci di fare”.

Dalle semifinali e dalla finale di Coppa Italia il tecnico ha osservato come gli atleti riescano a mantenere dei buoni ritmi per un solo tempo: “La curiosità è sapere quanto reggeremo ai giusti ritmi. Dovremo valutare bene anche nel corso della partita come i ragazzi  recuperano”.

Redazione