Contagi e tamponi stabili rispetto la giorno prima, tasso di positività in leggero calo ma, così come capita da giorni, i ricoveri in ospedale continuano a salire con una media sempre più preoccupante, tra le 400 e le 500 unità giornaliere. E’ quanto emerge dal bollettino di sabato 13 marzo diffuso dal ministro della Salute.

I nuovi casi di contagio di coronavirus sono 26.062, ieri erano stati 26.824. I morti accertati sono 317, ieri 380. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 372.944 tamponi molecolari e antigenici (ieri i test erano stati 369.636). Il tasso di positività odierno è del 6,98%, ieri era stato del 7,2%, quindi in leggero calo dello 0,2%. I casi totali da inizio epidemia sono 3.201.838, mentre i decessi sono 101.881.
Gli attualmente positivi sono 520.061 (+10.744 rispetto a ieri), i dimessi e i guariti 2.579.896 (+14.970), in isolamento domiciliare ci sono 492.926 persone (+10.179).

OSPEDALI – Gli ingressi nelle ultime 24 ore in terapia intensiva sono 270. Il saldo giornaliero tra ingressi e uscite è di 68 pazienti in più per un totale di 2.982 pazienti ricoverati. Nei reparti ordinari sono invece aumentati i pazienti di 497 unità rispetto a ieri, portando il totale a 24.153.

REGIONI – La Regione con più casi resta sempre la Lombardia (5.809), seguita da Emilia Romagna (2.950), Campania (2.940), Veneto (2.682), Piemonte (2.159) e Lazio (1.998).

Redazione