Sono quattro, al momento, i giovani fermati per il pestaggio e la rapina dello scooter al rider 52enne Giovanni Lanciato, fatti avvenuti poco dopo l’una di notte del 2 gennaio scorso in via Calata Capodichino a Napoli.

Si tratta di quattro minorenni, i primi due entrambi classe 2004 ma non hanno ancora compiuto 17 anni, residenti a Secondigliano e con parentele di spicco all’interno del clan Di Lauro di Secondigliano, che devono rispondere di concorso in rapina e ricettazione dello scooter che guidava uno di loro.

Gli altri due sottoposti a fermo sono entrambi 17enni. Fermi eseguiti dagli agenti del commissariato di Secondigliano e dai Falchi della Squadra Mobile di Napoli, guidata dal primo dirigente Alfredo Fabbrocini. Altri due giovani sono in corso di identificazione.

Secondo quanto emerso dalla indagini condotte dalla polizia e coordinate dalla procura per i minorenni di Napoli, e nello specifico dal sostituto procuratore Nicola Ciccarelli, il gruppo (in totale sei persone) è entrato in azione in sella a due scooter, uno con la targa contraffatta, l’altro rubato nelle ore precedenti, armati di una pistola (senza tappo rosso, non è chiaro se scenica) e di un coltello.

La rapina, così come denunciato dallo stesso rider, è avvenuta poco dopo l’una di notte mentre Lanciato tornava da una consegna effettuata in via Janfolla a Miano. Il suo scooter, un Honda Sh 125 di colore bianco, è stato ritrovato lunedì mattina 4 gennaio nel rione dei Fiori a Secondigliano, zona considerata dagli investigatori fortino del clan Di Lauro.

Le indagini lampo, partite dopo la diffusione del video sui social avvenuta nella serata del 3 gennaio, hanno portato i poliziotti a stringere subito il cerchio nel giro di poche ore.

I primi due minori destinatari del decreto di fermo hanno entrambi confessato seppur raccontando versioni differenti. Il fermo è scattato perché gli inquirenti ritengono sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e il pericolo di fuga.

I quattro sono stati accompagnati al Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei in attesa dell’udienza di convalida che avverrà nelle prossime ore.

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.