Per l’avvocato ed ex senatore di Forza Italia Giancarlo Pittelli si aprirà il prossimo 9 novembre, presso il Tribunale di Vibo Valentia, il processo con rito immediato nell’ambito dell’inchiesta ‘Rinascita-Scott’ condotta sul campo dai carabinieri e coordinata dalla Dda di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri.

Il Gup del tribunale ha accolto infatti la richiesta di giudizio immediato avanzata dagli avvocati difensori di Pittelli, Salvatore Staiano e Guido Contestabile, che salterà quindi l’udienza preliminare col passaggio diretto a quella dibattimentale.

Pittelli deve rispondere dell’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. L’ex parlamentare è detenuto da quasi 9 mesi nel carcere di Badu ‘e Carros, a Nuoro, ed ha più volte chiesto la scarcerazione per motivi di salute, sempre respinta dai giudici. Non solo. Per mesi l’avvocato non è mai stato ascoltato dal Pm di Catanzaro titolare dell’inchiesta.

Con Pittelli a processo ci saranno anche altri imputati, Mario Lo Riggio, Salvatore Rizzo e Giulio Calabretta, mentre per gli altri l’avvio del processo è stato invece fissato l’11 settembre nell’aula bunker del carcere di Rebibbia a Roma.