Bernie Sanders è diventato protagonista inaspettato della cerimonia di insediamento del 46esimo Presidente degli Stati Uniti d’America Joe Biden. Non che alla cerimonia mancassero gli spunti: hanno cantato Lady Gaga l’inno nazionale e Jennifer Lopez This Land is your Land, la poetessa e attivista 22enne Amanda Gorman ha letto una poesia ispirata all’assalto a Capitol Hill dello scorso 6 gennaio. Quale accessorio ha dunque conquistato la scena? L’abito della vicepresidente eletta Kamala Harris o la spilla di Lady Gaga?

Tutt’altro, ad attirare l’attenzione è stato però lui, il senatore 79enne Sanders e soprattutto i suoi quanti di lana vecchio stile. Centinaia, uno più esilarante dell’altro, i meme comparsi sui social che riguardano il senatore del Vermont. Sanders è stato l’ultimo democratico ad arrendersi alle primarie a Biden. Si era candidato già nel 2016, quando a prevalere fu Hillary Clinton, poi sconfitta da Donald Trump. All’Inauguration Day a Capitol Hill si è presentato con un parka, la mascherina, e questo paio di guanti. Anzi moffole.

L’accessorio ha cominciato a spopolare sui social raccogliendo migliaia di meme in poche ore. C’è il Bernie Sanders in Games of Thrones, in Star Wars, nella Primavera del Botticelli, nella serie Borsi, sulla Luna, in Forrest Gump, in How I met your mother, vicino a Muhammad Ali e via dicendo. Alcuni hanno anche espresso la curiosità di sapere da dove verranno mai fuori questi guanti del senatore dalla fantasia a rombi neri, marroni e bianchi, ricavati da maglioni di lana e plastica da bottiglie d’acqua. Un inno all’ambientalismo. A realizzarli un’insegnate del Vermont, Jen Ellis, che li ha regalati a Sanders due anni fa. Ellis li realizza su ordinazione, in diversi colori, e li regala agli amici. Il suo contatto, ha scritto il New York Post, è jellis21@gmail.com.

Sui social intanto è esploso l’hashtag #BerniesMittens. Alla Cbs, Sanders ha spiegato la sua scelta: “Noi nel Vermont siamo abituati al freddo e non siamo preoccupati molto della moda, a noi interessa stare al caldo, ed è ciò che è successo oggi”. Il senatore attraverso Twitter ha invitato comunque a occuparsi di cose serie come “rispondere in modo aggressivo alle enormi crisi che devono affrontare le famiglie di lavoratori”. Non è servito a granché.