Il generale Teo Luzi è il nuovo Comandante generale dell’arma dei Carabinieri. La nomina è arrivata nella serata di mercoledì 23 dicembre al termine del Consiglio dei Ministri.

Luzi, capo di stato maggiore dell’Arma, subentrerà a Giovanni Nistri a metà gennaio al termine del suo incarico triennale.

Per Luzi, classe 1959 e primo all’accademia militare, si tratta del coronamento di una carriera trascorsa, tranne sette anni fra Savona e Palermo, tutta nella Capitale con incarichi di prestigio.

I più anziani nell’Arma lo ricordano quando, alla fine degli anni Ottanta, da giovane capitano comandante della compagnia Roma centro era fra gli ufficiali più apprezzati dal colonnello Antonio Ragusa, allora potentissimo comandante provinciale. Quest’ultimo, dopo essere transitato nei servizi, sarà poi nominato direttore del Dipartimento risorse strumentali di Palazzo Chigi e quindi arrestato, insieme a Luigi Bisignani, per una vicenda di appalti dal procuratore Paolo Ielo.