Negli ultimi giorni molti cittadini denunciano numerosi disagi per le vaccinazioni nell’Asl Napoli 3 Sud. Non sempre è possibile vaccinarsi e alcuni sono stati rimandati indietro. E a tuonare contro le vaccinazioni a singhiozzo è il sindaco di Marigliano, Peppe Jossa: “ragionevolmente era stata disposta la Dad per consentire di intensificare i vaccini e invece accade esattamente il contrario. Tutto questo non può accadere e soprattutto non è giusto”.

Dall’Asl Napoli 3 Sud spiegano che temporaneamente in alcuni punti vaccinali sono state sospese le vaccinazioni a causa di un blocco del sistema informatico aziendale che ha subito un attacco hacker. Un problema complesso che ha imposto alcuni stop. Non si sa bene quando il problema rientrerà ma è probabile che disagi ci saranno anche nei prossimi giorni.

Jossa dal suo profilo Facebook ha espresso tutto il suo disappunto per la situazione. “Dal distretto 48 dell’Asl Na 3 Sud mi è stata appena comunicata la sospensione immediata ed in via temporanea delle vaccinazioni pediatriche anti – COVID effettuate negli ambulatori di Marigliano e Somma Vesuviana. Sono senza parole”.

Così il sindaco di Marigliano ha annunciato una lettera al presidente regionale Vincenzo De Luca “per denunciare la situazione e per chiedere che si riprendano immediatamente le vaccinazioni pediatriche”. “Nel pieno della quarta ondata – aggiunge Jossa – con il livello dei contagi che tocca vette allarmanti e soprattutto con l’alto numero di positivi registrato tra la popolazione scolastica, l’arma più efficace che abbiamo per combattere il virus si scarica improvvisamente e misteriosamente”.

“Non è possibile e non è tollerabile – conclude Jossa – che proprio chi dovrebbe tutelare la salute dei cittadini, e soprattutto prevenire i ricoveri negli ospedali già al collasso, lasci scoperto un servizio così importante e soprattutto impedisca a tanti genitori di vaccinare i propri figli”. Il sindaco sottolinea che “ragionevolmente era stata disposta la Dad per consentire di intensificare i vaccini e invece accade esattamente il contrario. Tutto questo – conclude – non può essere tollerato e soprattutto non è giusto”.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.