“Chi non accetta il vaccino ignora gli aspetti importanti, bisogna lavorare sull’informazione e sulla comunicazione”. E’ l’avvertimento che arriva dal direttore generale dell’Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva, intervenendo nella trasmissione ‘Barba&Capelli’ su Radio Crc Targato Italia. 

Sui vaccini il dirigente sanitario ha spiegato: “Ci sono le schegge impazzite che immettono il dubbio nelle persone. Bisogna dare spazio a tutte le voci ma a quelle scientificamente preparate. Si sentono troppi tuttologi”. 

E poi ha illustrato il piano di vaccinazione per la Campania: “Sono all’ospedale del Mare e abbiamo iniziato i vaccini al personale sanitario e non, perché al più presto vogliamo dichiarare gli ospedali free Covid per gli operatori ed offrire un ottimo servizio ai cittadini. Dal 7 gennaio inizieremo migliaia di vaccinazioni alla Mostra d’Oltremare e poi ci sarà l’ondata di vaccinazione in primavera con 400mila persone. Bisogna farci trovare il più preparati possibile per tutte le persone che vorranno vaccinarsi”.

Oggi intanto è partita la macchina delle vaccinazioni dopo l’arrivo nella giornata di mercoledì di circa 35mila dosi di vaccino Pfizer all’aeroporto di Capodichino. 

Nell’Asl Napoli3 saranno equipe composte (minimo) da un medico, un infermiere, un operatore socio sanitario e un amministrativo, con turni di mattina e pomeriggio, distribuite sui quattro punti allestiti, ad avere il delicato compito di somministrare il vaccino anticovid 19 sul territorio Asl Napoli 3 Sud. Ieri nell’Asl Napoli 3 Sud sono arrivate circa 3mila dosi del vaccino Pfizer-BioNTech. La seconda consegna è prevista per il 5/6 gennaio 2021. Per la fine di gennaio 2021 saranno consegnate in tutto circa 15mila dosi. Si comincerà oggi presso i due centri (hub) individuati di Nola e Castellammare di Stabia per la vaccinazione del personale ospedaliero. Successivamente, dal prossimo 2 gennaio, saranno resi operativi anche i centri periferici (spoke) di Gragnano e Pollena Trocchia che serviranno, soprattutto, per le somministrazioni agli operatori sanitari territoriali. Si tratta, complessivamente, di circa 10mila persone. Di queste 4mila hanno già aderito alla campagna vaccinale attraverso il link sul sito aziendale Asl Napoli 3 Sud attivato lo scorso 28 dicembre.

Partiranno il 2 gennaio 2021 le procedure vaccinali anti Sars-CoV2 per i dipendenti dell’AOU “Luigi Vanvitelli” e dell’AOU “Federico II” di Napoli. Ad aderire alla campagna sono stati tantissimi operatori sanitari. “La data dell’inizio della Campagna vaccinale è stata anticipata così da consentire la somministrazione, e quindi la copertura immunizzante, a più persone il prima possibile. Tra questi molti studenti e specializzandi, concreto esempio per diffondere e sensibilizzare la cultura della vaccinazione – spiega Antonio Giordano, Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera “Luigi Vanvitelli” – Per quel che riguarda il piano operativo, abbiamo allestito nell’edificio 3 di Cappella Cangiani, una delle strutture della nostra Azienda, il Centro Vaccini con ampi ambulatori e laboratori; una intensa attività organizzativa, avviata da settimane, svolta sinergicamente con l’Ateneo Vanvitelli che ringrazio per il prezioso gioco di squadra”.