In lacrime nella prima intervista pubblica dopo l’incidente sul set del film ‘Rust’ dello scorso ottobre dove morì la direttrice della fotografia Halyna Hutchins. Alec Baldwin appare in tv, intervistato alla rete televisiva statunitense Abc News e dal giornalista George Stephanopoulos, per parlare dell’incidente sul set che ha generato titoli sui giornali di mezzo mondo.

Halyna Hutchins morì dopo esser stata colpita da un proiettile esploso dalla pistola di scena che Baldwin stava usando sul set. L’attore però nella sua versione dei fatti nega tutto e assicura: “Il grilletto non è stato premuto. Io non ho tirato il grilletto”.

All’attore quindi Stephanopoulos chiede perché mai abbia puntato l’arma, una Colt 45, e tirato il grilletto sebbene la sceneggiatura non prevedesse il gesto. “Non punterei mai un’arma contro qualcuno e non tirerei il grilletto, mai”, la risposta di Baldwin.

Secondo l’attore e regista infatti “qualcuno ha ha messo una pallottola ‘viva’ nell’arma, un proiettile che non doveva nemmeno essere nell’area”, spiega Baldwin utilizzando l’aggettivo che definisce un proiettile in grado di provocare danni reali.

Baldwin però non chiarisce se la pistola abbia sparato da sola né descrive l’incidente. La star di Hollywood, che era anche produttore del film, si commuove poi quando parla della morte della direttrice della fotografia Halyna Hutchins. “Era adorata da tutti quelli che lavoravano con lei, era amata da tutti e ammirata. Tutto questo non mi sembra reale”. Un incidente mortale che Baldwin definisce “la cosa peggiore che mi sia mai capitata”.

Napoletano, classe 1987, laureato in Lettere: vive di politica e basket.