Con una foto, un video irriverente e un post sui social network, Sirio, bambino tetraplegico di 8 anni, è il protagonista di numerose storie dove viene raccontata la sua vita fatta di difficoltà e anche di gioie, strappando un sorriso a chi lo segue.

Senza mai cadere nel pietismo e nella compassione, la mamma di Sirio, la 39enne Valentina presidente della Fondazione “I tetrabondi”, organizzazione no profit “che prova a conquistare la libertà per Sirio e i bimbi come lui”, racconta sui social le giornate in assistenza domiciliare del piccolo, al quale era stato diagnosticato uno stato vegetativo perenne.

Succede però che l’attacco dei pirati informatici che sta colpendo il sistema informatico della Regione Lazio comporta delle conseguenze per la quotidianità del piccolo Sirio. La denuncia con un post pubblicato ieri sul profilo Twitter ‘Sirio e i tetrabondi’.

Grazie ai grandissimi geni che hanno fatto l’attacco alla Regione Lazio – si legge – Oggi mio padre è andato a prendere tutta la fornitura di alimenti, sonde e siringhe e non si è riusciti a concludere nulla. Una giornata buttata: persone con disabilità e caregivers ringraziano!

Numerosi i messaggi di solidarietà per la famiglia del piccolo bimbo di 8 anni. I genitori di Sirio hanno  recentemente denunciato di aver ricevuto la brutta notizia del taglio del 50 per cento degli alimenti, perché hanno deciso di alimentare Sirio anche con cibi freschi e non solo con formule.

Andrea Lagatta