Di Covid-19 si parla sempre meno, le restrizioni sono ormai quasi scomparse così come il ‘dibattito’ sui vaccini, eppure la rabbia no-vax non è scemata. A testimoniarlo è l’aggressione subita dall’infettivologo Matteo Bassetti, direttore della ‘Clinica Malattie Infettive’ del Policlinico San Martino di Genova.

A raccontare l’aggressione è lo stesso Bassetti, via social, dopo il brutto episodio avvenuto in un locale di Santa Margherita Ligure, dove stava trascorrendo la serata con la moglie e alcuni amici.

“Un’aggressione no-vax vera in un momento di spensieratezza – la definisce lo stesso Bassetti sui social -. Mentre consegno la mia carta di credito per pagare il conto, da dietro mi arriva addosso un cocktail pieno di ghiaccio e del suo contenuto. I cubetti mi colpiscono la testa e il liquido mi corre lungo la schiena. Penso a uno scherzo. Mi giro e vedo una coppia che mi guarda molto aggressivamente e dopo che gli chiedo cosa avessero fatto scappa dal locale. Fuori dopo che erano scappati lontani, i miei amici dopo averli seguiti chiedono loro perché lo avessero fatto. I due gridano che io sono quello ‘che ha fatto le punturine che hanno ammazzato un sacco di gente’ e che mi meritavo di essere colpito e aggredito”.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri, allertati dal gruppo di amici di Bassetti, con i militari che hanno identificato i due aggressori. Ma l’infettivologo, ovviamente, non ne può più di questa situazione, dato che le minacce nei suoi confronti non sono una novità.

“Sono stanco di questi continui attacchi a me e alla mia famiglia. Sono francamente affranto e ormai senza parole. – denuncia Bassetti – Io ho solo fatto il mio lavoro di medico spingendo le persone a vaccinarsi. Provo tristezza assoluta. Uno Stato che non sa tutelare e difendere i suoi medici, dopo quello che e’ capitato negli ultimi due anni, ha poco futuro”.

Romano di nascita ma trapiantato da sempre a Caserta, classe 1989. Appassionato di politica, sport e tecnologia