De Luca è “nato nel partito comunista“, “ha saputo costruirsi come personaggio televisivo” ma “governare è altra cosa” perché fare politica “non vuol dire essere divertente”. Parole di Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, nel corso della presentazione dei candidati del suo partito in vista delle prossime elezioni regionali in programma in Campania il 20 e 21 settembre.

Intervenuto telefonicamente all’appuntamento in programma in mattinata a Napoli all’hotel Mediterraneo, l’ex presidente del Consiglio rivendica la candidatura a presidente di Stefano Caldoro e offusca l’ascesa, anche a livello nazionale, dell’attuale governatore, abbondantemente in testa nei sondaggi in vista del voto. “De Luca ha saputo costruirsi come personaggio televisivo, gliene dobbiamo dare atto ma governare è altra cosa, la politica non vuol dire essere divertente”. Per Berlusconi “è arrivato il momento della svolta, di liberare la Campania dal sistema di potere che la assorbe. Caldoro ha idee e capacità per farlo, Foza Italia ha gli uomini giusti da mettere al suo fianco, per cambiare la Regione”.

“Ogni voto a Caldoro – aggiunge – sarà dimostrazione che la Campania vuole cambiare, che non vuole rassegnarsi a un destino di essere in fondo nelle classifiche su trasporti, sanità, fondi europei”. Berlusconi paragona il  “sistema di potere di De Luca, che è nato e cresciuto nel Partito comunista italiano” a quello “tipico del blocco ex sovietico” aggiungendo che un paragone simile “lo ha detto addirittura l’Espresso, rivista simbolo della sinistra in Italia”.

Berlusconi, che ricorda come “ho voluto personalmente la candidatura di Caldoro” perché “a lui mi legano stima considerazione amicizia”, annuncia che sarà presto a Napoli per la campagna elettorale. “Prometto di venire tra pochi giorni in Campania per sostenere Stefano”.

Giovanni Pisano