Nonostante gli inviti alla responsabilità rivolti ai giovani, in primis dal governatore della Campania Vincenzo De Luca, sull’evitare assembramenti, indossare la mascherina e non bere dallo stesso bicchiere, lo scorso weekend si è verificato un episodio sconcertante in provincia di Napoli.

Un furibonda lite in una discoteca all’aperto è degenerata nel peggiore dei modi. A Trecase, comune del Vesuviano, un party a cui hanno partecipato centinaia di giovani è stato rovinato da un gruppo di coetanei che ha iniziato, per futili motivi, a scagliarsi contro un solo ragazzo.

Sono volate sedie e tavoli presenti a bordo piscina. Poi la vittima designata è stata accerchiata dal branco e presa a calci e pugni.

Attimi di ordinaria follia rientrati solo grazie all’intervento degli organizzatori che sono riusciti a placare gli animi, evitando anche l’intervento delle forze dell’ordine, non informate dell’accaduto.