La storia dei 49 milioni di euro, i soldi che la Lega ha ottenuto come rimborso elettorale e ha utilizzato invece per spese illegittime (e che dovrà ripagare allo Stato in rate annuali per i prossimi 70 anni), provoca ancora forti disagi e problemi all’interno del Carroccio.

Un chiaro esempio arriva dalla macchina della propaganda di Matteo Salvini, quella comunemente definita ‘La bestia’. Da tempo ormai infatti sui social della Lega va avanti un conto alla rovescia in vista del 3 ottobre prossimo, quando l’ex ministro dell’Interno si presenterà davanti ai giudici di Catania per il processo legato al caso Gregoretti. Salvini è accusato infatti di sequestro di persona per aver impedito lo sbarco di 116 persone che si trovavano a bordo della Marina militare italiana nel luglio del 2019.

Nel countdown però è misteriosamente scomparso il passaggio tra il -50 e il -48, il 49 che rimanda proprio ai milioni che la Lega dovrà risarcire allo Stato. Il ‘buco’ sui social risale al 15 agosto scorso, giorno in cui si festeggia Ferragosto: l’assenza della consueta grafica non è dovuta però alla festa, dato che l’account della Lega per tutta la giornata ha continuato a postare senza sosta i contenuti del ‘Capitano’. Sembra proprio che il rischio di incappare nell’ironia dei commentatori del web abbia indotto il team social di Salvini ad evitare il conto alla rovescia.