Il ministero della Salute giapponese ha dichiarato che due passeggeri della nave da crociera Diamond Princess colpita dal coronavirus, sono morti in ospedale, portando a tre il numero di morti in Giappone. Nella nave in questione, in quarantena per due settimane al largo del porto di Yokohama, si registra il maggior numero di casi al di fuori della Cina, con 621 passeggeri e l’equipaggio risultati positivi ai test. Secondo le autorità giapponesi citate da Nhk, si tratta di una coppia di giapponesi, un uomo di 87 anni e una donna di 84.

I CONTAGI – I nuovi casi di coronavirus in Cina sono nuovamente diminuiti, fino a 394, dopo che le autorità giovedì hanno nuovamente cambiato il modo di contare i contagi quotidiani. Ora si stanno escludendo i casi che sono tornati negativi dopo i test di laboratorio. Altre 114 persone sarebbero morte a causa della nuova malattia, Covid-19, mentre gli ispettori sanitari stanno andando porta a porta per trovare tutte le persone infette nella città più colpita, Wuhan. Intanto, la Cina continentale ha riportato 2.118 morti e 74.576 casi totali.

L’ECONOMIA – La People’s Bank of China (PBoc) ha tagliato i tassi sui prestiti a un anno di 10 punti base e quelli a cinque anni di cinque punti base al 3,15% dal precedente 3,25%. La mossa della PBoc avviene pochi giorni dopo la sforbiciata sul tasso di prestiti a medio termine di un anno al 3,15% dal 3,25% e ulteriori stimoli monetari, per sostenere l’economia contro il coronavirus.

In scia alla mossa della banca centrale cinese, la maggior parte dei listini asiatici si muove in territorio positivo, guidata da Shanghai che segna un balzo di oltre 1 punto percentuale. Rimane indietro Hong Kong con un calo dello 0,40%. Secondo alcuni analisti l’intervento della PBoc era previsto e la sforbiciata è stata piuttosto deludente.