Sono 34.505 i nuovi casi di contagio da coronavirus in Italia, con 220mila tamponi e 445 morti. A riportare il bollettino odierno è stato il Direttore Generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, intervenendo al punto stampa al ministero sulla situazione epidemiologica.

Per Rezza i numeri odierni, ovvero 4mila casi in più con record di sempre (il 31 ottobre erano 31.758), “non sono un buon segnale. I tamponi sono un po’ aumentati ma l’aumento c’è. Abbiamo un numero di tamponi positivi piuttosto elevato, superiamo abbondantemente il 10%, non è un indicatore buono. E purtroppo anche avvicinarsi ai 500 decessi non è una buona notizia. Insomma è una situazione che dopo che nei giorni scorsi sembrava essersi stabilizzata sembra ancora con una chiara tendenza in aumento. Mi sembra che globalmente ancora il virus corra. Frenarlo è necessario”.

A preoccupare anche il dato dei decessi tornato sopra 400: per vederne così tanti nel bollettino bisogna tornare al periodo del primo lockdown, quando il 23 e 24 aprile furono rispettivamente 464 e 420. In totale quindi i morti per Coronavirus in Italia hanno superato quota 40mila, per la precisione 40.192.

Il numero totale di casi dall’inizio del monitoraggio è salito ad oggi a 824.879 persone (nel computo anche morti e guariti), oltre 34mila in più rispetto a mercoledì. I soggetti attualmente positivi sono invece 472.348, ben 29.113 in più in confronto al dato di ieri. I pazienti dimessi sono 4.961 nelle ultime 24 ore, col totale arrivato a quota 312.339.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono arrivati a quota 2391, ben 99 in più rispetto a ieri, superando la soglia critica per l’adozione di misure di lockdown (2300). I ricoveri ordinari di pazienti covid oggi sono 23.256, con un aumento di 1140 rispetto a ieri quando erano 22.116

Guardando all’incremento di casi per singola regione, la Lombardia fa segnare 8.822 nuovi contagi, seguita da Campania (3.888), Veneto (3.264, nuovo record), Piemonte (3.171), Lazio (2.735), Toscana (2.273), Sicilia (1.322) e Liguria (1.208).