Otto treni ad alta velocità e personale in cassa integrazione. E’ quanto annuncia Italo in una nota dopo l’ultimo Dpcm che entrerà in vigore dal 5 novembre al 3 dicembre. “A decorrere dal 10 novembre, sospenderà la maggior parte dei servizi giornalieri del suo network, a causa della riduzione della domanda di oltre il 90% sul trasporto lunga percorrenza in tutta la Nazione e dell’introduzione delle limitazioni riguardanti la mobilità interregionale da e per territori strategici della propria offerta”.

L’azienda ferroviaria sottolinea che “la situazione che si sta verificando per il trasporto Alta Velocità è identica a quella realizzatasi durante il lockdown di primavera, quando si registrò un crollo della domanda del 99% con gravi ripercussioni sull’intero settore”.

Italo “manterrà 2 soli servizi giornalieri sulla direttrice Roma-Venezia e 6 servizi giornalieri sulla direttrice Napoli-Milano-Torino e applicherà la cassa integrazione al proprio personale”, conclude la nota