Napoli “completamente immune entro luglio”. Lo ha annunciato il presidente della Giunta della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante un incontro a Palazzo Santa Lucia. “Tutti con la prima dose, una metà anche i richiami – ha aggiunto – ma avere già tutta la popolazione vaccinata è un risultato straordinario. Penso avremo lo stesso risultato per i capoluoghi di provincia”. La campagna di vaccinazione dai 12 anni in su “andrà avanti se il Governo e il commissario decideranno di dare più vaccini alla Campania così come abbiamo dato più vaccini alle regioni più anziane”

Sui richiami a chi ha già completato il ciclo vaccinale, come ad esempio gli operatori sanitari: “L’Iss dovrà dirci se immunizzazione personale medico o se dovremo invece fare la terza dose per garantire la sicurezza degli ospedali. Dovremo fare una verificata attenta sulle varianti”. Il messaggio complessivo è comunque “di serenità”: “Stiamo uscendo dal calvario, ma ne usciamo fino in fondo se stiamo attenti”.

Intanto sono oltre 120.000 le adesioni complessive arrivate sulla piattaforma della Regione Campania per i vaccini dalle 22 di ieri sera, quando l’accesso è stato aperto a tutti i maggiori di 12 anni. L’accesso alla piattaforma è stato molto alto, con punte di 1.200 adesioni al minuto ma – secondo l’Unità di Crisi regionale – “il sistema elettronico ha retto”. L’aumento dell’interesse dei campani per il vaccino è testimoniato anche dall’app “e-covid Sinfonia” che in questo momento è la più scaricata d’Italia sia su android che su Ios.

Domenica 6 giugno, inoltre, dalle 08:00 alle ore 20:00 è previsto un open day vaccinale per i cittadini dell’Asl Napoli 3 Sud dai 18 a 79 anni con prenotazione. La piattaforma sulla quale tentare di aggiudicarsi un posto (https://opendayvaccini.soresa.it/) si attiverà giovedì 3 giugno alle ore 17:00. Il vaccino utilizzato sarà Vaxzevria di Astrazeneca.

NAPPI CONTRO DE LUCA SUI “COMMISSARI” – Ma a scagliarsi contro il governatore campano è oggi Severino Nappi, consigliere regionale e coordinatore cittadino della Lega a Napoli. L’esponente del Carroccio tira in ballo il numero della Regione e lo attacca sul ruolo dei commissari governativi: “Per De Luca i commissari governativi non servono? E allora come fa a sostenere Manfredi che, per candidarsi sindaco, ha preteso che ce ne fosse uno nel “pacco” per Napoli cui affidare le rogne?”.

Secondo Nappi “la verità è che queste sinistre sono spregiudicate e pronte a sostenere tutto e il contrario di tutto per la loro convenienza. Non è più tempo di imitare Crozza, ma di fornire risposte ai cittadini. Il centrodestra è al lavoro per ridare prospettiva e dignità alla terza città d’Italia”.

Napoletano, Giornalista praticante, nato nel ’95. Ha collaborato con Fanpage e Avvenire. Laureato in lingue, parla molto bene in inglese e molto male in tedesco. Un master in giornalismo alla Lumsa di Roma. Ex arbitro di calcio. Ossessionato dall'ordine. Appassionato in ordine sparso di politica, Lego, arte, calcio e Simpson.